Le regole europee di deficit e di debito? Ve le spiego in maniera divertente”. Così a Tagadà (La7) il deputato di Forza Italia, Renato Brunetta, esordisce nella sua spiegazione della regola del deficit e del debito italiano, a distanza di due giorni dalla scadenza del termine per la presentazione della Nota di Aggiornamento del DEF. Il responsabile economico di Fi prima manda ironicamente un bacione al leader della Lega, Matteo Salvini, poi attacca il M5s, ricorrendo alle sue ormai celebri definizioni: “scappati di casa”, “buoni a nulla ma capaci di tutto”, “eversori della democrazia parlamentare”. E aggiunge: “Il reddito di cittadinanza? Non si farà mai, non ci sono soldi. Bambole, non c’è un euro!”. Quindi, illustra la sua metafora: “Deficit e debito sono come il flusso dell’acqua del rubinetto (deficit) che riempie la vasca da bagno (debito). Il flusso dell’acqua produce deficit, il livello dell’acqua è il debito accumulato del nostro Paese. Se il flusso del rubinetto, che entra nella vasca, è uguale allo scarico e la vasca è piena per metà, quest’ultima resterà piena per metà. Noi ci siamo impegnati con l’Europa e con i mercati affinché il livello dell’acqua non salga, semmai che scenda un po’. Se lo scarico supera il flusso del rubinetto, il livello scende. Viceversa, se lo scarico non supera il livello di deficit (flusso del rubinetto), il livello d’acqua nella vasca (debito) sale”. E aggiunge: “Non è tanto preoccupante il giudizio dell’Europa o della Commissione europea, quanto quello dei mercati, che guardano al livello del debito del nostro Paese. L’1,6%, soglia di deficit/Pil per il 2019, fatta intendere dal ministro Tria, è il flusso d’acqua del rubinetto che tiene in pari l’acqua della vasca. Se questo valore sale e va all’1,7-1,8-1,9%, l’acqua della vasca sale e per noi sarà il disastro. Siamo noi ad aver bisogno dei mercati e non i mercati ad aver bisogno dell’Italia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scanzi a Farinetti: “Tua idea di sinistra piace a imprenditori, non a classe operaia”. “Evita questa visione marxista”

prev
Articolo Successivo

Vaccini, ministro Giulia Grillo: “Siamo per l’obbligo intelligente. Sì per morbillo, non per l’esavalente”

next