Accorgersi del vento e della pioggia o anche della pressione di una colonna di formiche. Caratteristiche umane. Fino a poco tempo fa. I robot del futuro potranno accorgersi di tutto questo grazie alla pelle elettronica messa a punto dall’Accademia delle scienze cinese e descritta sulla rivista Science Robotics.

La pelle hi-tech ultra sensibile riesce a percepire le minime variazioni di pressione generate dal vento, dalle gocce di pioggia e persino dai “passi” di una colonna di formiche. Tra le possibili applicazioni, le prime individuate dai ricercatori sono protesi in grado di garantire una percezione sempre più naturale. La nuova pelle elettronica è stata prodotta ricoprendo dei sensori magnetici con una membrana polimerica cava, nella cui parte superiore sono state incorporate delle perline magnetiche.

In questo modo, quando si applica una pressione, la membrana viene spinta verso l’interno e le perline magnetiche si avvicinano al sensore: la resistenza così creata viene inviata a un circuito elettronico che converte il segnale in una serie di impulsi le cui frequenze sono proporzionali alla pressione esercitata. Applicata ad un dito artificiale, la pelle elettronica ha dimostrato di essere così sensibile da generare impulsi in risposta a pressioni molto leggere, come quelle create dal movimento di una colonna di formiche. È riuscita inoltre a percepire variazioni nella velocità del vento e perfino la differenza tra gocce di pioggia piccole e grandi. In alcuni test, la sua sensibilità è risultata addirittura superiore a quella della pelle umana.

Lo studio su Science Robotics

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nature, due italiani tra gli undici ricercatori emergenti a livello mondiale: “Hanno il mondo ai loro piedi”

prev
Articolo Successivo

Il pianeta Vulcano del signor Spock esiste davvero: “La sua stella potrebbe ospitare civiltà avanzate”

next