Se avete un figlio adolescente maschio e siete disperati perché gioca troppo ai videogiochi, sappiate che questa attività potrebbe migliorare i suoi voti in matematica. È questo il risultato della ricerca Computer Gaming and the Gender Math Gap: Cross-Country Evidence Among Teenagers recentemente pubblicata dai ricercatori della Vancouver School of Economics presso la University of British Columbia.

New york, USA – august 28, 2018: Fortnite game channel on twitch on smartphone screen background close up view

Non abbiamo sottolineato a caso il genere. A quanto pare non solo questa tendenza sarebbe stata rilevata solo nei maschi, ma concorrerebbe persino ad accentuare ulteriormente il divario di genere tra adolescenti maschi e femmine.

Come si è arrivati a questa conclusione è piuttosto semplice: gli esperti hanno passato al setaccio i punteggi raggranellati nei test matematici standard dai quindicenni di 56 paesi dell’Organizzazione per lo Sviluppo Economico e la Cooperazione (OEDC). Le ragazze hanno ottenuto da due a tre punti percentuali in meno rispetto ai maschi. Tutti fanno uso intenso della tecnologia; entrambi i sessi in porzione equa (49%) usano le chat online.

A cute female gamer girl sits in a cozy room behind a computer and plays games. Woman live streaming computer video games to her fans. Streamer and gamer concept.

A distinguere i maschi dalle femmine è l’attività ludica: il 47% dei ragazzi gioca ogni giorno con giochi online, contro il 16% delle ragazze. Il 36% dei ragazzi (contro il 7% delle ragazze) gioca quotidianamente con titoli collaborativi, noti anche come giochi multiplayer. Questo tipo di attività sembrerebbe migliorare alcune abilità matematiche, come la capacità di risolvere problemi strategici e le abilità spaziali. I ricercatori hanno deciso pertanto di attribuire fino a un terzo della differenza di genere nei test matematici ai giochi per computer.

Vale quindi la pena spingere le ragazze a giocare di più? Lasciamo ai genitori la valutazione, tenuto conto che negli ultimi anni i videogiochi cooperativi online tendono a coinvolgere sempre anche il pubblico femminile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Apple Watch, da stasera nuovo sistema operativo ma soprattutto maggiore facilità d’uso

prev
Articolo Successivo

Agenda digitale, dell’era Piacentini restano solo promesse e numeri impietosi

next