Costringevano i loro braccianti stranieri a turni di anche undici ore al giorno, per una paga dai 4 ai 5 euro l’ora, senza alcuna misura di sicurezza e a volte anche in nero. Oltre a questo, chiedevano loro il pagamento di un affitto. L’operazione ‘Agri Jobs‘, coordinata dalla Procura di Firenze, ha portato all’arresto di tre persone per associazione a delinquere finalizzata all’intermediazione illecita sfruttamento del lavoro, aggravata dalla violenza, dalle minacce e dei maltrattamenti, nonché dall’aver tratto vantaggio dallo stato di bisogno delle vittime. Gli arresti sono stati eseguiti nelle province di PadovaVerona Perugia.

Secondo gli inquirenti, i lavoratori venivano reclutati in Albania e Romania e impiegati in agricoltura e in edilizia, soprattutto in Toscana e in Veneto, e fino alla Svizzera. Niente retribuzione per gli straordinari, nessuna busta paga e in alcuni casi nemmeno un contratto; capitava inoltre che venissero minacciati di non essere pagati se non completavano i turni. Il tutto sotto la gestione di due cooperative, sequestrate insieme ai rispettivi conti correnti, agli immobili dove i lavoratori si fermavano a dormire – dietro pagamento, appunto, di un canone d’affitto – e a un veicolo usato per il trasporto sui luoghi di lavoro. È stato inoltre accertato il mancato versamento di contributi Inps per quasi mezzo milione di euro. Perquisizioni sono state eseguite negli studi di consulenza del lavoro che assistevano le cooperative.

L’indagine è partita a novembre 2017, dopo la morte per cause naturali di un cittadino romeno a Rufina, nelle campagne vicino a Firenze. Prima è stato individuato il caporale che svolgeva il ruolo di caposquadra, che aveva appunti su cui erano annotati programmi e luoghi di lavoro, i nominativi dei lavoratori impiegati, la paga e il mezzo di trasporto utilizzato. Successivamente si è arrivati al presunto capo dell’organizzazione, che si occupava dell’attività di reclutamento, organizzazione e pagamento, nonché degli stratagemmi per eludere i controlli ispettivi.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, Istat: “Nel secondo trimestre occupati oltre il livello pre crisi. Ma sono di più quelli a termine e part time”

next
Articolo Successivo

Ilva, primi risultati del referendum: valanga di “Sì” all’accordo da parte dei lavoratori di Genova e Novi Ligure

next