Botta e risposta a In Onda (La7) tra il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, e uno dei conduttori della trasmissione, David Parenzo, sui cinquanta migranti che dalla nave Diciotti erano stati trasferiti nel centro di Rocca di Papa e che si sono allontanati nei giorni scorsi. “Appena ne ho avuto notizia, il primo pensiero è andato automaticamente all’Europa”, commenta il ministro M5s. “Ah, non a Salvini?”, domanda Parenzo. “Io ero al telefono quella notte in cui è intervenuta la Guardia Costiera per quei 140 migranti” – risponde Toninelli – “Li abbiamo salvati tutti, perché Malta si è girata dall’altra parte. Poi in quei 5 giorni in cui sono rimasti sulla nave Diciotti i migranti sono stati monitorati e i malati, le donne e i bambini erano stati già portati al sicuro sul suolo italiano. Tutte le telefonate che partivano ai colleghi ministri e ai presidenti del Consiglio degli altri Paesi europei sono rimaste senza risposta. La fuga di questi 50 è un atto certamente gravissimo”. “Non è una fuga”, puntualizza Parenzo. Toninelli prosegue: “Gli altri Paesi Europei avrebbero dovuto condividere con noi questo problema enorme, mondiale che oggi rimane solo in capo all’Italia e che hanno voluto lasciare in quell’occasione solo in capo all’Italia. Se ci fosse stata un’Europa solidale, questa cosa non sarebbe accaduta”. “Però non è una fuga, quelle persone non erano detenute”, ribadisce Parenzo. “Non erano in una condizione di detenzione” – replica Toninelli – “ma di verifica del permesso di permanenza”. “E di chi è la colpa? Della Cei?”, chiede il giornalista. “Non voglio dare la colpa a nessuno” – risponde il ministro – “ma, dopo tanti anni in Parlamento, ho imparato a guardare globalmente il problema. In questo caso, noi abbiamo salvato quei migranti e va benissimo. Grandi complimenti ancora alla Guardia Costiera italiana, che continua a salvare vite umane. Quindi, l’Italia salva vite umane. Ma non possiamo più gestire da soli questo problema. Questo è un esempio plastico che dimostra che quel problema migratorio, cheè un flusso continuo, anche se diminuito grazie alle spalle larghe di questo governo del cambiamento, non può essere gestito solo dall’Italia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sapelli vs Friedman: “Statte zitto, occupati di biografie di capitalisti”. “Quanta ignoranza”, “Non ti devi permettere”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, Toninelli: “Pressioni? Furono di Aiscat. Diffidò a pubblicare concessioni”. Battibecco con Parenzo

next