Cento milioni di euro: tanto sta investendo Bmw per dotarsi di un nuovo simulatore di guida. Anzi, di un vero e proprio Driving Simulation Center, che nascerà a Monaco nel quartiere Milbertshofen, dove a metà agosto sono iniziati i lavori per la sua costruzione. Si tratta di una struttura avanzata, in grado di effettuare test virtuali su quella che sarà la colonna portante della mobilità futura: la guida autonoma. I sistemi di assistenza alla guida delle self driving car di domani passeranno prove severe grazie ad un simulatore ad alta fedeltà (che vedete nella foto qui sopra), che riproduce nello stesso tempo i movimenti in latitudine, longitudine e rotazione subiti da un veicolo in condizioni reali di guida urbana. Il Driving Simulation Center fa parte del piano “Fiz Future”, che prevede una crescita del centro sviluppo del Bmw Group del 50% entro il 2050. Ricopre una superficie totale di 11.400 metri quadrati, che ospiterà 14 simulatori e laboratori, con 157 persone che vi lavoreranno a partire dal 2020, quando si prevede che la struttura sarà operativa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toyota Corolla Touring Sports, da Parigi in poi niente più Auris – FOTO

next
Articolo Successivo

Islanda, ecco i semafori a cuore di Akureyri. Per tornare a sorridere

next