“I nostri bambini sono terrorizzati per lo sgombero, perché hanno visto poliziotti con le pistole, hanno pianto, si sono fatti male. A Sesto San Giovanni addirittura una bambina è stata spinta”. È il racconto di una donna che, insieme alla sua famiglia, viveva all’Aldo dice 26×1, e che, dopo lo sgombero avvenuto ieri, martedì 4 settmebre, ha occupato la Torre Ligresti a Milano. Ma le testimonianze degli inquilini dell’ex palazzo Alitalia sono tante, come quella di un uomo che dice: “Ero 800 per l’assegnazione delle case popolari, ora sono al posto 1800 e mi hanno detto che è perché lavoro. Cosa devo fare? Licenziarmi? Continuerò a lavorare e a vivere per i miei bambini”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, irreperibili 40 della Diciotti. I sottosegretari leghisti: “Segno che non sono disperati”. La Caritas: “Non è fuga”

next
Articolo Successivo

Ater, salvezza dell’ente affidata a Laghi. Il commissario Ilva farà il piano industriale. “Vendita di alloggi attraverso un fondo”

next