Per quella bestemmia sfuggita a Tiberio Timperi in diretta tv durante Uno mattina in famiglia la Rai dovrà sborsare ora 25mila euro. A distanza di ben quattro anni (era il 18 ottobre del 2014), da parte del Tar del Lazio, e comminata dall’Agcom, è arrivata la sentenza definitiva, come riporta anche il quotidiano Il Giornale, che parla anche di negligenza da parte dell’azienda di via Mazzini, dal mometno che il contenuto era anche pre-registrato.

Per il Tar del Lazio, l’espressione sfuggita dalla bocca di Timperi “è senza dubbio una bestemmia/imprecazione, di contenuto lesivo dello sviluppo dei minori“, come scrive Il Giornale, e la Rai è anche responsabile di imperizia, “essendo stato trasmesso per ben due volte“. Questa vicenda si conclude quindi con una sconfitta della tv pubblica e una vittoria del Codacons che, dopo la trasmissione, aveva subito chiesto alla Rai di assumere provvedimenti nei confronti del conduttore. Che non erano però arrivati. Timperi, da parte sua, si era scusato in diretta il giorno dopo dagli schermi di Rai 1, ma da viale Mazzini avevano quasi giustificato il conduttore attribuendo il fatto a una “concatenazione di eventi, frutto di una serie di imprevisti non intenzionali e di disguidi tecnici successivi”. Troppo poco per una bestemmia lanciata durante una trasmissione “per la famiglia“.

L’azienda è stata punita per la violazione dell’art. 34 del d.lgs. n.177/05 in relazione alle disposizioni del Codice di Autoregolamentazione Media e Minori. L’articolo citato, riporta il Codacons, “stabilisce che ‘le trasmissioni non contengono programmi che possono nuocere allo sviluppo fisico, mentale o morale dei minori e film vietati ai minori di anni 14, a meno che la scelta dell’ora di trasmissione fra le ore 23,00 e le ore 7,00 o qualsiasi altro accorgimento tecnico escludano che i minori che si trovano nell’area di diffusione vedano o ascoltino normalmente tali programmi’”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Venezia 2018, L’amica geniale: qualità da vendere nello sguardo condiviso di Saverio Costanzo ed Elena Ferrante

prev
Articolo Successivo

Domenica In vs Domenica Live: quasi al via la sfida. Barbara D’Urso promette “un incontro storico” mentre Mara Venier ospita Romina Power

next