di Andrea Taffi

“La barba sporcata da un po’ di gelato/parliamo parliamo/di rivoluzione e proletariato”. Così cantava Giorgio Gaber nella sua celebre canzone Al bar Casablanca. La cito solo per dire che il Pd e tutta quanta la sinistra attuale non sono poi così diversi dalla sinistra cantata da Gaber nel 1973. Quest’ultima, infatti, vagheggiava la lotta di classe contro il “padrone”, espressione del potere oppressivo targato Democrazia Cristiana. Il Pd e i suoi satelliti di sinistra di oggi vagheggiano invece una rifondazione sulla spinta di una lotta (anche questa di classe) contro il becero potere della destra verde e del disastroso (e giallo) dilettantismo al potere.

Ma come la sinistra del Bar Casablanca parlava e riparlava tra quotidiani rossi e gelati, guardandosi bene dal fare qualcosa di concreto, così la sinistra attuale parla, propone il fronte unito contro i nuovi barbari, ma sta bene attenta a non attuare nel concreto alcun piano di riscossa. Le sue sono soltanto inutili formule astratte, comode per dichiararsi di sinistra, ma da non attuare mai e per nessun motivo. Perché, in fondo, la vera, solida teoria della sinistra è sempre stata quella del nemico, di un nemico che – si badi bene – va combattuto solo a discorsi, mai concretamente, per non rischiare di sconfiggerlo e poi di non avere più nessuno da combattere a parole, riparati dietro la esaltante bandiera rossa della sinistra.

È accaduto così, in anni meno lontani di quelli cantati da Gaber, con Berlusconi, mai effettivamente combattuto perché se la sinistra lo avesse spazzato via politicamente (come avrebbe potuto fare) dopo chi sarebbe stato il nemico da combattere (a parole) per dimostrare di essere di sinistra? Adesso ci sono Salvini e i 5 stelle: nemici per certi versi persino peggiori (migliori) di Berlusconi. E così la teorizzazione della ricetta del niente raggiunge il suo apice. Ecco allora che Veltroni, Franceschini, Calenda e tutti quelli che riconoscono gli errori del Pd (dall’incondizionata accettazione di Renzi, all’allontanamento progressivo dalle masse, al mancato accordo coi 5 stelle) e che quindi vagheggiano una rifondazione della sinistra, altro non fanno che esprimere, adattandolo ai tempi moderni, il desiderio (tutto teorico e astratto) di mostrarsi di sinistra.

Ma, al contrario di quello che si potrebbe pensare, non sono fuori dal mondo, sono soltanto dentro il loro mondo. Un mondo fatto di parole vitali, dove la peggior cosa che possa mai capitare è macchiarsi la barba con un po’ di gelato. Ma allora, non sarà mica per questo che Martina si è fatto crescere la barba?

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Davide Casaleggio: “La democrazia diretta è il futuro. La piattaforma Rousseau non è una moda passeggera”

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, la Lega allunga sul Movimento 5 Stelle: quattro punti di distacco, a fine luglio erano 0,5

next