“Il più grande insulto alla memoria di Aretha Franklin. La Regina del Soul merita più di questo. Vergogna! Questa è una mancanza di rispetto per la musica, è da tempo che non mi arrabbio così”. Queste le parole che riassumono l’invettiva della vocal coach Cheril Porter, afroamericana di stanza a Roma, che ha dedicato un video al commento dell’esibizione di Giusy Ferreri rea – a suo dire – di aver infangato la memoria della Franklyn con un’esibizione sottotono.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giusy Ferreri, perché per me il suo tributo ad Aretha Franklin è stato raccapricciante

next
Articolo Successivo

Robert Plant, oggi la musica rock compie 70 anni. Nove curiosità sulla leggenda dei Led Zeppelin

next