Tre operatori del settore agricolo sono indagati per la morte dei 12 immigrati, avvenuta lo scorso 6 agosto, in un incidente stradale a Lesina, nel Foggiano, mentre rientravano dai campi di pomodoro. L’accusa della procura di Larino è sfruttamento ed intermediazione illecita. In Molise, infatti, hanno sede la maggior parte delle aziende per le quali lavoravano i braccianti.

L’inchiesta è scattata all’indomani della morte dei lavoratori ed è coordinata dal procuratore capo Antonio La Rana. “Un fenomeno estremamente grave quello del caporalato. Non si può speculare su persone che vivono sul nostro territorio in condizione di estremo bisogno”, ha dichiarato La Rana. “Ci avvarremo di tutti gli strumenti che la legge ci consente per contrastare questa attività illecita – ha proseguito – Sono già state sensibilizzare le forze dell’ordine per alzare la guardia nel monitorare e reprimere questo odioso fenomeno“.

La morte dei 12 migranti era stato provocato dallo scontro tra un tir e un furgone lungo la strada statale 16, nella località Ripalta. Con una dinamica praticamente identica a quella dell’incidente avvenuto il sabato precedente poco più a sud, sulla strada provinciale 105 tra Ascoli Satriano e Castelluccio dei Sauri, in cui sono morti 4 braccianti e altri quattro sono gravemente feriti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Razzismo, Bonafede: “C’è una responsabilità genitoriale. Serve prevenzione nelle scuole e noi stiamo intervenendo”

prev
Articolo Successivo

Centri sociali occupati, Cassazione: “No allo sgombero se il comune tollera le loro attività”

next