Il consiglio di amministrazione delle Ferrovie dello Stato, di cui il ministro Danilo Toninelli ha deciso la decadenza, minaccia “azioni di tutela” della propria “reputazione e professionalità” contro il titolare delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il cda ha diffuso una nota in cui, “in riferimento a quanto dichiarato dal Ministro”, sottolinea di “essersi attenuto strettamente e diligentemente alle previsioni dello Statuto” quando si è espresso contro la decadenza dell’ad Renato Mazzoncinirinviato a giudizio per truffa ai danni dello Stato, e per la sua permanenza in carica.

Secondo lo statuto, ricorda la nota, “il cda può far decadere l’Amministratore per l’esistenza di un rinvio a giudizio o, come in questo caso, rimettere all’Assemblea la proposta di permanenza in carica dell’Amministratore stesso, per salvaguardare il preminente interesse della Società”. Il ministro, dopo che Mazzoncini in una lettera ai dipendenti del gruppo ha fatto riferimento allo spoil system messo in atto dal governo, aveva replicato con un post su facebook in cui spiegava che “l’etica viene prima di ogni altra cosa” ed “è ridicolo ricevere l’accusa di voler occupare poltrone da parte di certe forze politiche”, ma aggiungeva anche che “la rottura non è arrivata dal governo, ci tengo a precisarlo, ma dallo stesso Mazzoncini e dal suo cda che invece di applicare la regola etica del suo stesso Statuto, e farlo decadere, l’ha prima aggirata e successivamente ha respinto al mittente l’invito del governo a tornare sui propri passi. Se l’input dell’azionista fosse stato accolto, il cda non sarebbe stato rimosso per intero”.

“La rottura, invece, ci ha costretti ad agire per far rispettare un elementare principio di rettitudine che è alla base, ripeto, dello Statuto dell’azienda. Abbiamo operato, prima di tutto, per tutelare Fs, l’immagine e gli interessi dello Stato. Per il Governo del cambiamento l’etica viene prima di ogni altra cosa”, concludeva Toninelli, dopo aver aggiunto che è “ridicolo ricevere l’accusa di voler occupare poltrone da parte di certe forze politiche. Il loro ultimo governo (Gentiloni), in carica solo per gli affari correnti e a Camere già sciolte, con un blitz durante le festività di fine 2017, ha rinnovato per altri tre anni un Cda che sarebbe dovuto scadere già ad aprile scorso”. Il cda respinge al mittente le accuse e aggiunge che “ove si proseguisse in similari affermazioni lesive della dignità del Consiglio, saranno attivate le occorrenti azioni di tutela previste dalle norme vigenti”.