Prime cancellazioni in mattinata per i voli in partenza e arrivo della compagnia aerea low cost Ryanair. In Italia sono 132 i voli che sono stati cancellati a causa dello sciopero del personale navigante proclamato da Filt-Cgil e Uiltrasporti nell’ambito dello stop europeo deciso dai dipendenti del gruppo. A Orio al Serio sono nove i voli in partenza cancellati e diretti a Londra, Parigi, Catania, Marrakech, Oradea, Vigo, Gotheborg, Brindisi e Corfù. Sette i voli cancellati in arrivo: Oradea, Catania, Londra, Vigo, Marrakech, Brindisi e Parigi.

In Spagna, il Paese maggiormente interessato dalla protesta del personale di bordo, è iniziato “senza incidenti”. Lo ha detto ad Afp un portavoce del sindacato Uso. Ryanair ha previsto che a incrociare le braccia saranno circa 1.800 addetti spagnoli. In Belgio, avrebbe aderito l’80% dell’equipaggio di cabina con base all’aeroporto di Bruxelles secondo il sindacato Cne. Un collegamento tra Bruxelles e Berlino è stato assicurato da un equipaggio tedesco, perché la Germania non è stata colpita dallo sciopero. Allo stesso tempo, la Ryanair ha annunciato questa mattina che taglierà il 20% della sua flotta a Dublino quest’inverno, attribuendo la decisione che minaccia 300 posti di lavoro alle prenotazioni in calo a causa degli scioperi dei piloti.

Per rimpiazzare i dipendenti che sciopereranno tra BelgioPortogallo Spagna, la compagnia userà personale polacco e tedesco. A denunciarlo è il sindacato belga CNE che chiede alle autorità di Bruxelles di verificare la legalità dell’operazione. Lo sciopero è stato indetto dal personale navigante di cabina e dal personale a terra di Ryanair che chiede all’azienda maggiori stipendi e migliori condizioni lavorative. Tra le altre questioni, i lavoratori lamentano il fatto di doversi pagare l’acqua potabile durante i voli e di dover mettere per iscritto i propri sintomi quando rimangono a casa malati. Nei giorni scorsi Ryanair ha difeso le proprie politiche di retribuzione e di tutela del lavoratore giudicate adeguate. Sullo sciopero ha invece affermato che “questi scioperi sono completamente ingiustificati e l’unico risultato che otterranno sarà rovinare le vacanze alle famiglie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, violentata per tre volte nella stessa sera. Anche dal soccorritore

next