Lascia la magistratura Armando Spataro il procuratore di Torino, che ha legato il suo nome alle inchieste sul terrorismo durante gli Anni di piombo e a quella sul sequestro di Abu Omar. Oggi il Csm ha deliberato il suo collocamento a riposo per raggiunti limiti di età, anche se il pensionamento scatterà nel dicembre prossimo.

Nato a Taranto nel 1948, Spataro ha lavorato per un tempo lnghissimo alla procura di Milano, dove è arrivato nel 1976, occupandosi in una prima fase di sequestri di persona, poi del terrorismo di sinistra. A Milano ha fatto parte della Direzione distrettuale antimafia, e dal 2003 ha coordinato da procuratore aggiunto il pool anti-terrorismo. È stato in quel periodo che con il collega Ferdinando Pomarici, si è occupato dell’inchiesta su Abu Omar, che ha coinvolto uomini della Cia e del Sismi.

Nominato procuratore di Torino nel giugno del 2014, Spataro sta coordinando l’inchiesta che sta cercando di far luce sulla catena di responsabilità cui sono collegati i fatti tragici della finale di Champions League: la morte di Erika Pioletti e oltre 1500 feriti. Tra le sue ultime iniziative c’è anche la sollecitazione al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede di prendere posizione su una richiesta di autorizzazione a procedere contro il vice premier Matteo Salvini che risale al 2016 per vilipendio dell’ordine giudiziario. Allora in un comizio l’attuale titolare del Viminale aveva parlato di “magistratura schifezza”.

È stato anche componente del Csm dal 1998 al 2002 e segretario del Movimento per la giustizia, una delle correnti di sinistra della magistratura. Nel dibattito che ha preceduto il voto, tanti consiglieri lo hanno definito un esempio per gli altri magistrati. E ne hanno evidenziato la grande statura professionale e umana, il coraggio, la coerenza e il suo “non conformismo”, l’umiltà e la sua generosità nei confronti dei colleghi più giovani. Anche il Pg della Cassazione Riccardo Fuzio lo ha definito un modello per i pm, “timoroso di nulla”, ma consapevole dei limiti del suo ruolo. Un saluto affettuoso a Spataro è arrivato dal vice presidente Giovanni legnini, che lo ha definito “una delle migliori espressioni della magistratura italiana“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Montante, procura di Caltanissetta chiude le indagini: in 24 verso il processo

prev
Articolo Successivo

Anticorruzione, Bonafede: “Legge pronta, il testo sarà depositato a settembre”

next