Non disturbare, il programma condotto da Paola Perego in seconda serata su RaiUno, continua a far notizia. Le donne entrano in una stanza d’albergo e complice il clima familiare si lasciano andare a confessioni e dichiarazioni che fanno discutere. L’ultimo episodio finito al centro della scena vede come protagonista Paola Ferrari che nella puntata trasmessa venerdì scorso non ha risparmiato critiche a Belen Rodriguez: “Bella, furba, ricca. Io l’ammiro perché più furbe non ne fanno. Io dovevo nascere così. Se tu riesci ad avere un successo di questo tipo assolutamente priva di ogni goccia di talento vuol dire che sei intelligente e brava (…) Un consiglio? Continuare così, trovare l’uomo giusto, mettere via più soldi possibili e aprirsi una fattoria”.

Non ha poi cambiato tono parlando di Diletta Leotta definita come “esattamente il contrario di quello per cui ho sempre lottato“. La bionda e la mora che spopolano sui social non hanno rilasciato dichiarazioni ma nelle ultime ore un like su Instagram della showgirl argentina è rimbalzato su diverse testato. “Parla proprio lei la Ferrari, pupa di gomma è raccomandata di ferro, grazie al marito, poi vorrei sapere qual è il suo talento? Incluso anche quello della conduttrice, la Perego un’altra raccomandata dal marito. Tutte talentuose, grazie ai mariti“, ha scritto un utente a cui Belen ha messo proprio un mi piace.

Non è chiaro se fosse casuale oppure voluto ma quando ti chiami Rodriguez basta poco per far esplodere una (non) polemica. Paola Ferrari è sposata con Marco De Benedetti, Paola Perego con il manager Lucio Presta che assiste anche Belen Rodriguez. Proprio l’agente cosentino ha provato a spegnere la polemica sul nascere con una storia pubblicata su Instagram: “Mi spiace per gli amanti della lite social ma stavolta non riesce la cosa. Nessuna polemica tra Paola Perego e Belen Rodriguez. Sarà per un’altra volta ragazzi, non tutte le polemiche escono con il buco. Buon estate a tutti voi da un uomo di polso (rotto). ”

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Femen, la fondatrice Oxana Shachko trovata morta nel suo appartamento a Parigi: si tratterebbe di suicidio

prev
Articolo Successivo

Anna Tatangelo e Gigi D’Alessio di nuovo insieme. La coppia in vacanza in Sardegna tra abbracci e carezze

next