Che i calciatori si accompagnino, oltre che a veline e showgirl varie, anche ad auto da sogno, è ormai abitudine consolidata. Non sfugge a questa logica neanche Cristiano Ronaldo, il “crack” appena acquistato dalla Juventus che l’ha strappato al Real Madrid per oltre cento milioni di euro.

Il portoghese, in questa sua passione, è tra l’altro agevolato dal fatto che lo sponsor della Vecchia Signora sia proprio un marchio automobilistico, la Jeep. Che, come potete vedere nella foto sopra, gli ha subito messo a dispisizione una Grand Cherokee nella sua variante più “estrema”, ovvero la Trackhawk: motore V8 6.2 con potenza di 700 cavalli, per prestazioni anch’esse straordinarie. Basti pensare che lo 0-100 viene percorso in 3,7 secondi e la velocità massima tocca i 290 orari.

Ma chi crede che quella con cui si è presentato a Torino per visite mediche e debutto in bianconero sia l’auto più potente e costosa posseduta dall’asso portoghese, sbaglia di grosso. L’amore di Ronaldo per le quattro ruote d’autore risale a tempi non sospetti, e ha sempre portato nel suo garage supercar da sogno. Straniere (Chevrolet Camaro, diverse Mercedes-AMG, Porsche 911 Carrera, ad esempio), ma più spesso made in Italy, come ad esempio una Maserati GranCabrio.

Nondimeno la sua passione sembrano essere, innanzitutto, le Ferrari. Ronaldo possiede una rara 599 GTO, e prima di questa aveva una 599 GTB, venduta dopo un incidente nel 2009 ad un collezionista. Ma nel suo roster c’è pure una F12 Tour de France, costruita in soli 799 esemplari. Spazio poi a un bolide di S.Agata Bolognese, una bella Lamborghini Aventador LP700 di colore nero opaco, e a un paio di Bugatti, una Chiron e una Veyron 16.4 Grand Sport. E per le occasioni di “gala”, ecco spuntare anche una Rolls-Royce Phantom. Non c’è che dire, CR7 si tratta davvero bene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

McLaren, il nuovo corso: “Ora la 600LT e nel 2025 solo ibride. Ma niente suv” – FOTO

prev
Articolo Successivo

Marchionne, 14 anni di auto tra luci e ombre: dal funerale di Lancia allo stallo di Alfa, fino ai miracoli Jeep e Maserati

next