La realtà può essere violentata fino a un certo punto. Solo fino a un certo punto la si può distorcere e occultare con visioni ideologiche. Divenuto favola, il mondo reale si ribella. E si mostra senza infingimenti per quello che realmente è. Ciò vale a maggior ragione per la vexata quaestio dell’immigrazione di massa. Accoglienza, integrazione, solidarietà. Ecco la sacra triade con cui i padroni del discorso mondialista hanno usato violenza al reale. Occultando il fatto che immigrazione di massa fa rima con deportazione di massa. Con sfruttamento di massa. Con neocolonialismo di massa. La notizia è fresca. “Forme di impegno volontario che ripaghino la comunità ospitante”.

Accade a Varese e in altre aree della Lombardia. “Se nel capoluogo lombardo il Comune ha disposto che i migranti puliscano le periferie insieme ai disoccupati, nella città prealpina gli stranieri si occuperanno invece di fare lavori di manutenzione delle scuole chiuse per le vacanze estive”. V’è altro da aggiungere?

Così vengono usati in molte città i migranti. Lo dissi e lo ridico: l’immigrazione di massa serve a sfruttare il lavoro umano dei migranti e ad abbassare il costo della forza lavoro in generale. L’immigrazione di massa è una pallottola sparata in fronte alla classe lavoratrice, autoctona e migrante. È il capolavoro dei padroni del turbo capitale senza frontiere e delle loro abominevoli pratiche neocolonialistiche, che l’ordine simbolico incensa e glorifica come integrazione e accoglienza.  “Impegno volontario“, cioè sfruttamento del lavoro non retribuito.

Cioè concorrenza sleale con chi magari gli stessi lavori prova a farli campandoci regolarmente. Non lasciamoci fuorviare. L’immigrazione di massa è un’arma nelle mani del padronato cosmopolita e della global class liquido-finanziaria egemonica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spiagge sicure, mi ricordo di Mario e del suo lavoro che di sleale non aveva proprio niente

prev
Articolo Successivo

Scuola, genitori e docenti. Alleiamoci tutti per un unico fine: educare

next