Litiga con il suo ex coinquilino e poi si dà fuoco. Succede a Milano dove un ragazzo di origine egiziana, residente regolarmente in Italia, è stato portato all’ospedale Niguarda: versa in gravi condizioni. Sabato 14 luglio aveva litigato animatamente per una questione di corrispondenza nella macelleria dell’ex coinquilino, con il quale aveva convissuto in precedenza. Dopo il litigio l’egiziano ha mandato in frantumi la porta in vetro del locale.

Nel pomeriggio di lunedì i due hanno nuovamente discusso, ma l’uomo ha portato con sè del liquido infiammabile che ha versato all’interno della macelleria. Il titolare ha avvisato immediatamente le forze dell’ordine mentre l’uomo è scappato verso viale Zara. Poi ha arrestato la sua fuga, si è sdraiato sulla carreggiata versandosi addosso una tanica di benzina e dandosi fuoco. Gli agenti sono subito intervenuti nel tentativo di fermarlo con l’aiuto dei vigili del fuoco che hanno usato degli estintori. Due poliziotti sono rimasti lievemente ustionati mentre tentavano di spegnere le fiamme. Al momento l’uomo è ricoverato in codice rosso al Niguarda e riporta sul proprio corpo delle ustioni di secondo-terzo grado.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Livorno, sulle spiagge di San Vincenzo i bagnini arrivano dalla Sicilia. Consigliere Lega: “E i giovani del luogo?”

prev
Articolo Successivo

Mestre, così l’eroina gialla ha ucciso 18 persone. Il gip: “Nigeriani vendevano droga pura per creare più dipendenza”

next