Per il quarto anno consecutivo l’azienda partecipata dalla Regione Lazio, concessionaria della rete viaria regionale, chiude in utile. L’acquisizione di Cotral Patrimonio Spa è stata assorbita e decollano i servizi digitali

Una crescita costante, che sembra essersi ormai consolidata: è quella di Astral Spa, la controllata della Regione Lazio al 100% e concessionaria per la gestione e la manutenzione della rete viaria regionale, che chiude il quarto anno consecutivo con il segno positivo. Il bilancio al 31 dicembre 2017 evidenzia, infatti, un utile di oltre 525mila euro, una cifra doppia rispetto all’esercizio precedente (256.534 euro nel 2016). Anche il patrimonio netto sfiora i 12 milioni di euro (11,995 milioni mentre nell’esercizio passato si era fermato a 11,4 milioni di euro). Un dato quest’ultimo ancora più rilevante alla luce della precedente acquisizione di Cotral Patrimonio Spa e delle nuove attività implementate dal 2016 che possono già dirsi a regime con una crescita minima ma comunque significativa dei ricavi delle vendite passate dai 4,49 milioni del 2016 ai 4,63 del 2017 che conferma il balzo dell’anno passato quando questa voce aveva superato i 4 milioni.

 

Contenimento dei costi, una sfida vinta

È bastato in pratica solo un anno alla società gestita dall’Amministratore Unico, ing. Antonio Mallamo, per completare l’assorbimento dell’acquisizione del ramo d’azienda non funzionale al trasporto pubblico locale della scissa Cotral Patrimonio spa. Lo dicono i numeri, che evidenziano l’importante lavoro di razionalizzazione dei costi per bilanciare il contraccolpo del 2016 agendo sia con l’introduzione di nuove funzioni (sul fronte della gestione del patrimonio) sia con un efficiente assorbimento del personale della Cotral Patrimonio.

“La scommessa rappresentata dall’assorbimento della Cotral Patrimonio – ha sottolineato Mallamo – a questo punto si può dire vinta. Mi piace sottolineare che il processo di contenimento dei costi avviato già nel precedente esercizio è continuato mostrando tutta la capacità virtuosa nell’operare di Astral”.

Strade, ponti, gallerie: obiettivo numero uno

La riduzione dei costi di produzione evidenziata dal bilancio non ha significato meno lavori di manutenzione o un rallentamento nella realizzazione di nuove infrastrutture: la missione è rimasta sempre quella di mantenere in sicurezza gli oltre 1.500 chilometri di strade comunali, provinciali e statali della Regione. Gli interventi di manutenzione ordinaria sono stati rivolti ad eliminare le cause più comuni del degrado nel corpo stradale al fine di garantirne la sicurezza e le condizioni di utilizzo. Inoltre durante le azioni di risanamento si è badato a non interrompere la fruibilità minima delle strade. Nel complesso un impegno costante che nel 2017 ha comportato una settantina di interventi tra opere ancora in gara, al via o già in atto tra cui ad esempio i lavori per la realizzazione della superstrada Sora-Frosinone, gli interventi di messa in sicurezza del tratto Cassino – Formia sulla S.R. Ausonia e il rifacimento del manto stradale in alcuni tratti della SR 148 Pontina. Tuttora in corso sono i lavori per il Collegamento stradale esterno all’abitato di Tivoli – Variante al Ponte degli Arci, mentre in questi primi mesi del 2018 Astral spa è stata indicata come soggetto attuatore dell’intervento “Ferrovia Roma-Viterbo (tratta Riano – Morlupo)”, di importo complessivo pari a 154 milioni di euro.

Astral Infomobilità cambia marcia

Ma l’impegno di Astral non è solo rivolto ad assolvere il ruolo di stazione appaltante per la manutenzione straordinaria e ordinaria della rete viaria laziale e per la progettazione e realizzazione di nuove infrastrutture. Sono oramai pienamente operativi i nuovi servizi di infomobilità. Una delle conferme più belle di questo 2017 è appunto rappresentata dal servizio Astral Infomobilità: il servizio di informazione in tempo reale sulle condizioni della mobilità del Lazio, al suo secondo anno di vita, ha contribuito in maniera rilevante all’aumento complessivo dei ricavi d’esercizio che in generale sono pari a 4,63 milioni di euro, in aumento di 140mila euro rispetto al 2016.

“Per il quarto anno consecutivo l’azienda – ha concluso Mallamo – ha fatto registrare un risultato positivo in cui sta acquistando sempre più rilevanza la sua componente digitale. Assumerci l’incarico relativo all’Infomobilità è stata una scommessa vinta e il portale è diventato un punto di riferimento fondamentale per le notizie e informazioni relative al traffico e ai lavori sulla rete viaria laziale”.

Nel corso dell’esercizio Astral Infomobilità ha integrato maggiormente tutte le fonti disponibili sulle modalità di trasporto (favorendo quindi l’uso ottimale dei servizi di trasporto più sostenibili) e ha attivato un nuovo servizio per ricevere le segnalazioni di Polizia Stradale, Carabinieri e Polizia Municipale circa problemi riguardanti la viabilità. Sono inoltre state promosse campagne di utilità sociale “Civiltà stradale”, con lo scopo di sensibilizzare gli automobilisti su temi come il rispetto dei limiti di velocità, l’uso del cellulare alla guida, la piromania e l’abbandono dei rifiuti. Al 31 dicembre 2017 risultano inoltre  accreditate 57 stazioni radio-tv e 27 giornali/web per la diffusione delle informazioni; migliaia infine sono gli utenti che si tengono aggiornati tramite i social network. L’implementazione verso servizi digitali prosegue in tutte le direzioni, con il miglioramento dei software aziendali ma anche con alcune iniziative specifiche: una su tutte la realizzazione del Veicolo ad Alto Rendimento (VAR), dotato di un sistema tecnologico in grado di creare un catasto dinamico attraverso la rilevazione delle caratteristiche del tracciato stradale, dello stato delle pavimentazioni e della qualità della segnaletica verticale e orizzontale.

Articolo Precedente

Jeep Wrangler, la prova de Il Fatto.it – L’essenza del fuoristrada – FOTO

prev
Articolo Successivo

Il Planogramma Dinamico? Con Mike Process Master si può

next