Mi ci vedreste andare con un ventenne, anche molto bello? Lo guarderei come un figlio. Bisogna differenziare le pulsioni in sé da come le si gestiscono”. Monica Bellucci attacca l’ex marito Vincent Cassel. E lo fa con raffinata grazia, senza mai citarlo direttamente, dalle colonne del mensile Elle. Cassel, 51 anni, sarà presto sposo della 21enne modella Tina Kunakey e l’interprete di The Passion e Spectre di certo non gliela manda a dire, pur frenando l’attacco frontale: “Non è un giudizio morale il mio, perché l’amore ovviamente non ha codici”. E poi aggiunge: “La ragazze giovani non le vedo come mie rivali (in amore ndr), ma al contrario provo per loro un’infinita tenerezza”.

Dire che le parole che accompagnano l’uscita dell’intervista apparsa sull’ultimo numero della rivista francese siano “gioco, partita, incontro” poco ci manca. Dall’alto dei suoi meravigliosi 53 anni Monica Bellucci spiega che ogni età ha i suoi sentimenti e le sue passioni: “Oggi cerco dolcezza e pace, ma un’altra parte di me è ancora passionale, sulfurea, altrimenti si muore. Il fuoco della passione è ancora vivo ma può bruciare altrove. Potrei appassionarmi per un film come per un ventenne ma bisogna trovare la giusta storia”. Poi conclude pensando alle due figlie avute da Cassel – Deva (13 anni) e Léonie (8 anni) –: “Penso sempre a loro e al lungo cammino che devono percorrere. Sto attenta che la mia vita pubblica non ricada sulla loro vita privata. Voglio essere in grado di dire a me stessa, un giorno, che posso aver compiuto un sacco di errori ma che ho fatto del mio meglio per loro”.

Dopo aver spostato nel 1990, e ad aver divorziato dal fotografo Claudio Carlos Basso nel 1994, la Bellucci nel 1996 ha incontrato sul set del film “L’appartement” Vincent Cassel. I due sono convolati a nozze a Montecarlo nell’agosto del 1999. Matrimonio durato fino al 2013 quando, secondo l’ex modella, il feeling è finito: “ci siamo evoluti in modo diverso, eravamo due storie parallele che non si incrociavano più”. Cassel è fidanzato con la Kunakey da tre anni e tra i due ci sono trent’anni di differenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jeep Wrangler, la prova de Il Fatto.it – L’essenza del fuoristrada – FOTO

prev
Articolo Successivo

Sulmona, la madrina della Giostra Cavelleresca? Valeria Marini. Ma il manifesto trash fa discutere

next