A differenza di altri modelli incipriati e imbellettati per seguire le mode del momento, la Jeep Wrangler resta fedele a sè stessa dal 1941. Cioè da quando la prima Willys MB (che vedete qui sotto), progenitrice di tutte le Jeep, fece la sua comparsa andando a supportare i soldati delle Forze Armate americane durante la guerra. Niente scocca portante e telaio a longheroni, motori che lavorano come muli e quattro ruote motrici per spingerti ovunque. Ma soprattutto uno dei pochi casi, nella progettazione di un’auto, in cui la forma (squadrata) segue la funzione e non il contrario.

Le è sempre stata “rimproverata” una certa scomodità. Probabilmente da chi, guidandola, non sapeva cosa avesse tra le mani. Ciò nonostante, la perizia dei tecnici americani ha donato a questa nuova Wrangler (chiamatela pure JL) ciò che le mancava: accoglienza nell’abitacolo, materiali di maggior pregio rispetto al passato, finiture curate, ben 65 sistemi di assistenza alla guida (tra cui telecamera posteriore, monitoraggio dell’angolo cieco e ESC con antiribaltamento elettronico). Per chi insomma, di tanto in tanto, volesse uscire da buche, sassi e fango, e farsi una passeggiata in città.

Sono i cosiddetti “Urban Jeeper”, quelli che non rinunciano alle prestazioni off road nonostante passino parecchio loro tempo su strade urbane. E dunque, imbottigliati come comuni mortali in mezzo al traffico, magari si intratterranno con l’infotainment di bordo Uconnect (comprensivo di Android Auto e Apple Car Play), visualizzabile tramite schermi touch di tre taglie diverse: 5, 7 e 8,4″.

Parlando di versioni, ce ne sono a due e quattro porte: Sport, Sahara e Rubicon. L’ultima, come da tradizione, è quella dai numeri duri e puri: altezza da terra di 25 cm, angolo di attacco di 36,4°, angolo di dosso 25,8°, angolo di uscita di 30,8°, capacità di guado fino a 76 cm, ma soprattutto una trazione integrale on demand Rock-Trac (su Sport e Sahara c’è invece la Command-Trac) che permette di switchare dalle due alle quattro ruote motrici fino a una velocità di 72 km orari. E poi ancora bloccaggio elettrico del differenziale, barra stabilizzatice anteriore, e una chicca tutta da provare a ruote ferme: la possibilità di smontare tetto e sportelli, per un’esperienza in fuoristrada davvero estrema, in 14 minuti. Anche molto meno, una volta che ci si è presa la mano.

Inutile dire che non ci sono terreni che la Wrangler non sia in grado di affrontare. Oltre alla trazione integrale di cui sopra, e alle marce ridotte, un lavoro egregio è svolto pure da motori e trasmissione, quest’ultima è la nuova automatica a otto marce che ha mandato in pensione senza particolari ripianti il cambio manuale, e che in fuoristrada dà il meglio di sè. A disposizione ci sono il 2.0 benzina da 272 Cv e il 2.2 a gasolio da 200 Cv (più un Pentastar V6 3.6 non importato in Europa), entrambi dotati di dispositivo Start&Stop.

Il listino, infine. Per avere la madre di tutti i fuoristrada, la sua griglia a sette feritoie, gli immancabili fari tondi (ora a led) e tutto quanto detto finora bisogna essere pronti a staccare un assegno di 48 mila euro. Almeno.

JEEP WRANGLER – LA SCHEDA

Il modello: è la settima generazione dell’icona dei fuoristrada made in Usa
Dimensioni: lunghezza 4,33 m, larghezza 1,90 m, altezza 1,88 m
Motori: 2.0 turbobenzina da 272 Cv; 2.2 turbodiesel da 200 Cv
Consumi omologati nel ciclo misto Nedc: da 7,4 a 7,9 km/l (2.2 diesel)
Emissioni di CO2: da 195 a 209 g/km (2.2 diesel)
Prezzo: da € 48.000
Ci piace: il cambio automatico e la trazione integrale sono un portento
Non ci piace: lo sterzo è un pò “lasco”, il che va bene in fuoristrada ma meno sull’asfalto. Ma c’era da aspettarselo

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Citroen Berlingo, la prova de Il Fatto.it – Il van che va bene anche per la famiglia – FOTO

next
Articolo Successivo

Cazzola vs Mussolini: “Ero di Forza Italia, ma voterò Pd perché voi mi fate schifo”. E Roventini fraintende

next