Sarà scarcerato e potrà andare agli arresti domiciliari. Almeno finché le sue condizioni di salute non miglioreranno. Dopo quattro anni si aprono le porte del carcere per Marcello Dell’Utri. Lo ha deciso il tribunale di Sorveglianza di Roma, che ha disposto il differimento della pena per l’ex senatore di Forza Italia. A chiedere che lo storico braccio destro di Silvio Berlusconi potesse lasciare la sua cella a Rebibbia erano stati i suoi legali, gli avvocati Alessandro De Federicis e Simona Filippi. “Il garante dei detenuti sostiene che sia il carcere che le strutture protette sono inadeguate per le cure di cui ha bisogno Dell’Utri”, avevano detto i due difensori che per tre volte si sono visti rigettare istanze simili. Anche la Corte europea dei diritti dell’uomo aveva respinto, nei mesi scorsi, la richiesta di sospensione della pena.

“Rischio morte improvvista” – A incidere sulla decisione di concedere all’ex parlamentare il differimento della pena è la situazione del suo cuore: secondo i medici, infatti, l’ex politico siciliano potrebbe morire all’improvviso. “La patologia cardiaca di cui dell’Utri soffre ha subito un recente e significativa o aggravamento rispetto alle pregresse condizioni e non sono secondarie le negative ricadute di altri fattori complicanti quali l’età, 77 anni, il trattamento radioterapico, la malattia oncologica e le condizioni psichiche. I sanitari hanno segnalato il rischio di morte improvvisa per eventi cardiologici acuti e hanno concluso per la non compatibilità col carcere”, si legge in una stralcio del provvedimento del tribunale che cita le relazioni dei medici del carcere, datate 28 giugno e 5 luglio. Nella decisione del tribunale pesa anche lo stato psichico dell’ex senatore che ieri ha rifiutato di sottoporsi alla coronografia programmata presso l’ospedale San Filippo Neri, “non ritenendosi in grado di affrontare lo stress psicologico del piantonamento nell’ipotesi del ricovero postoperatorio riabilitativo rappresentato dai sanitari”, scrivono i giudici.  “Sebbene si tratti di motivazione discutibilmente giustificativa, -dicono – tuttavia va tenuto conto delle condizioni psicologiche descritte nelle relazioni che indicano fragilità e sentimenti di sfiducia su cui incidono l’età e la recente conclusione del ricovero ospedaliero con piantonamento, protratto dal 14 febbraio al 18 aprile scorso, che lo ha emotivamente provato.  Ma soprattutto va considerato che l’esame coronografico, complicato da probabile angioplastica ed ecografia intravascolare, è invasivo e non privo dì rischi e difficoltà, considerato che il paziente non è giovane, ha appena concluso 40 cicli di radioterapia e presenta una condizione cardiaca molto delicata per le accertate stenosi di grado severo”.

“La malttia non rende più rieducativo il carcere” – L’ex parlamentare, dunque, deve tornare a casa visto che le sue condizioni non rendono più rieducativo il carcere. “L’attuale stato di salute – scrivono i magistrati – non appare compatibile con la carcerazione per la ricorrenza di gravi ed improvvisi rischi per la vita e la salute, non fronteggiabili con gli strumenti sanitari del circuito penitenziario in considerazione delle preoccupanti condizioni cardiache, del complesso quadro multipalogico, delle precedenti e debilitanti cure radioterapeutiche, dell’età, dello stato ansioso e della necessità di un intervento cardiologico delicato. È anche consequenziale alle attuali, compromesse, condizioni cliniche ed alle prevalenti preoccupazioni per l’evoluzione delle patologie, che l’attenzione del soggetto verso il trattamento penitenziario sia fortemente scemata, sicché il protrarsi dell’esecuzione della pena in regime di detenzione ordinaria non è più rispondente alla finalità rieducativa ed al senso di umanità”. Sette mesi fa, invece, scrivevano che le condizioni dell’ex parlamentare erano “buone e nonostante le sue varie patologie la detenzione in carcere poteva ancora assumere carattere “rieducativo“,

La condanna a 7 anni e la Trattativa – Dell’Utri è detenuto dal 2014 quando era diventata definitiva la sua condanna a sette anni per concorso esterno a Cosa nostra. Dopo una breve fuga in Libano era stato estradato e condotto prima nel carcere di Parma e poi in quello di Roma. Il 20 aprile scorso aveva ricevuto un’altra condanna, questa volta a dodici anni di carcere al processo sulla trattativa Stato-Mafia con l’accusa di minaccia a corpo politico dello Stato. Proprio la possibilità di una nuova pena aveva portato, nel febbraio scorso, lo stesso tribunale di Sorveglianza a negare la liberazione del fondatore di Forza Italia.

A febbraio i giudici dicevano: “Portrebbe scappare” – Anche perchè, avvertivano i giudici, “considerate le pendenze per reati molto gravi che potrebbero determinare nuove consistenti pene detentive e tenuto conto del recente tentativo di sottrarsi all’esecuzione penale, non si ritiene di poter escludere il pericolo di fuga, non trovandosi in condizioni fisiche impeditive della deambulazione e del movimento, e non essendo le malattie in fase avanzata e debilitante”. Tradotto: Le sue condizioni di salute non ne impedivano la fuga dato che è già stato latitante.

L’iter giudiziario e la scarcerazione – È per questo motivo l’iter giudiziario che ha portato alla scarcerazione di Dell’Utri è stato lungo e tortuoso. Già nell’agosto del 2016 i legali dell’ex senatore avevano sostenuto che il loro assistito non potesse rimanere in carcere per problemi di salute: alla cardiopatia e al diabete si era sommato un tumore alla prostata. Per questo motivo, tra marzo e aprile, è stato ricoverato, in regime di detenzione, presso il Campus Biomedico della Capitale. Lo scorso 18 maggio, dunque, la Cassazione ha depositato le motivazioni della sentenza con cui aveva annullato l’ordinanza del tribunale di sorveglianza del 5 dicembre 2017 che giudicava compatibili con il carcere le condizioni di salute dell’ex senatore. Secondo la Suprema corte i giudici del tribunale di sorveglianza di Roma dovranno nuovamente valutare il suo caso tenere conto “dell’aggravamento delle condizioni sanitarie” e degli effetti sulla sua salute del trasferimento quotidiano in ospedale. Il 15 giugno scorso, quindi, i giudici hanno disposto una nuova perizia medica: e adesso hanno dato il via libera al ritorno a casa dell’ex parlamentare.

Il Pd per la liberazione. E B. ne parlò al Colle – Nei mesi sono stati diversi gli esponenti politici che, in piena campagna elettorale, avevano auspicato la liberazione dell’uomo condannato per essere stato il trait d’union tra Berlusconi e Cosa nostra. Anche del centrosinistra come l’ex segretario del PdPierluigi Bersani, o l’aspirante governatore della Regione Lombardia, Giorgio Gori. L’ultimo a “sposare” la causa del fondatore di Forza Italia è stato Davide Faraone, parlamentare dem ed ex sottosegretario che è andato a trovare Dell’Utri in carcere. “La politica – ha raccontato Faraone – non gli interessa, studia, segue lo sport e quando gli ho detto che ero del Pd mi ha risposto: Perché ancora esiste?”. Ovviamente si era speso per l’antico sodale anche l’amico di una vita, cioè Berlusconi, che aveva approfittato delle consultazioni al Quirinale per staccarsi dalla delegazione del centrodestra e rimanere solo con Sergio Mattarella. “Non ho parlato di governo. Ho fatto presente al capo dello Stato le condizioni di salute in cui versa Dell’ Utri”, aveva detto lo stesso ex presidente del consiglio.

Da Berlusconi tre milioni donati alla famiglia – D’altra parte le attenzioni di Berlusconi per lo storico braccio destro non sono mai mancate. Le ultime sono rappresentate oltre tre milioni di euro “donati”alla famiglia dell’amico palermitano  tra il novembre 2016 e il febbraio 2017. “Prestiti infruttiferi”, è scritto nella causale dei versamenti analizzati dall’Ufficio informazioni finanziarie di Bankitalia e dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza che hanno segnalato “l’operatività sospetta” alla procura di Milano. Non era un prestito ma è rimasto sempre poco chiaro anche il giro di denaro attivato da Arcore alla vigilia della prima sentenza della Cassazione  su Dell’Utri che annullò con rinvio il processo d’appello per l’ex senatore. Furono 15 i milioni transitati prima dal conto di Berlusconi a quello della moglie dell’allora senatore Pdl, e poco dopo gran parte di quella cifra, 11 milioni, sarebbe stata spostata da lì a un altro conto in una banca sempre a Santo Domingo. Gli investigatori rintracciarono i pagamenti nel corso di un’indagine, poi archiviata, per una presunta estorsione da parte del fondatore di Forza Italia ai danni dell’ex premier.

“Mi pagano finché c’è vivo Dell’Utri” – “Sai fino a quando mi pagheranno? Fin quando c’è vivo Dell’Utri. Quando muore Dell’Utri non mi pagano più. Perché la loro paura è che io vada a cantare le canzoni di Dell’Utri e di lui con la mafia“, diceva invece intercettato Alberto Maria Salvatore Bianchi, amico di Berlusconi e Dell’Utri sin dai tempi in cui tutti e tre frequentavano l’università a Milano.  A Bianchi – come raccontato in esclusiva dal mensile Fq Millennium – sono arrivati da Publitalia – azienda presieduta per anni dallo stesso Dell’Utri – 27 milioni di euro nell’arco di 14 anni, fino al 2013. Soldi giustificati dal lavoro di venditore di inserti pubblicitari che sarebbe stato svolto dallo stesso Bianchi ma gli investigatori della guardia di finanza sostengono invece il contrario: Bianchi, cioè, non avrebbe mai venduto neanche uno spazio pubblicitario. Perché dunque avrebbe ricevuto tutti quei soldi dalle società di Arcore? Mistero. Di certo c’è solo che Bianchi non ha mai “cantato” le canzoni di Dell’Utri e di lui con la mafia.

Dell’Utri garante dell’accordo tra B. e la mafia – Ma chi è l’uomo al quale i giudici hanno concesso gli arresti domiciliari? A spiegarlo è la sentenza della Cassazione che nel maggio del 2014 lo ha condannato in via definitva a 7 anni di carcere per concorso esterno a Cosa nostra.  Gli ermellini definiscono l’ex senatore come  il garante “decisivo” dell’accordo tra Berlusconi e Cosa nostra e “la sistematicità nell’erogazione delle cospicue somme di denaro da Marcello Dell’Utri a Gaetano Cinà sono indicative della ferma volontà di Berlusconi di dare attuazione all’accordo al di là dei mutamenti degli assetti di vertice di Cosa nostra”. La Suprema corte ricorda come “il perdurante rapporto di Dell’Utri con l’associazione mafiosa anche nel periodo in cui lavorava per Filippo Rapisarda e la sua costante proiezione verso gli interessi dell’amico imprenditore Berlusconi veniva logicamente desunto dai giudici territoriali anche dall’incontro, avvenuto nei primi mesi del 1980, a Parigi, tra l’imputato, Bontade Teresi, incontro nel corso del quale Dell’Utri chiedeva ai due esponenti mafiosi 20 miliardi di lire per l’acquisto di film per Canale 5“.

La condanna per la Trattativa – La condanna per concorso esterno a Cosa nostra, però, riguarda solo per i fatti commessi fino al 1992. Fino a quando, cioè, Berlusconi non era ancora un esponente di un partito politico. Lo sarebbe diventato formalmente solo alla fine del 1993. E infatti la pensa inflitta a Dell’Utri al processo Trattativa è per i fatti commessi nel 1994. Quando Berlusconi è già presidente del consiglio. “Marcello Dell’Utri è colpevole del reato ascrittogli limitatamente alle condotte contestate come commesse nei confronti del governo presieduto da Silvio Berlusconi”, recita il dispositivo letto dal giudice Montalto. E il reato ascritto a Dell’Utri è la violenza o minaccia a un corpo politico, amministrativo o giudiziario dello Stato. “La sentenza dice che l’ex senatore ha fatto da cinghia di trasmissione tra le richieste di Cosa nostra e l’allora governo Berlusconi che si era da poco insediato. La corte ritiene provato questo. Ritiene provato che il rapporto non si ferma al Berlusconi imprenditore ma arriva al Berlusconi politico”, aveva spiegato il pm Nino Di Matteo dopo la sentenza della corte d’assise di Palermo. Dell’Utri, in pratica, è colpevole di essersi fatto portatore del ricatto di Cosa nostra: o si attenuava la lotta alla mafia, o la piovra avrebbe continuato a colpire il Paese a colpi di tritolo. Adesso, però, Dell’Utri sta male. E può tornare a casa.