Rapallo, Santa Margherita Ligure e Portofino contro i turisti. O meglio, contro i turisti “cafoni” che minacciano il “decoro urbano” passeggiando – dice l’Ansa – a torso nudo o a piedi scalzi. Ma anche contro i mendicanti, contro chi “bivacca” con un trolley sulle panchine, sulle scale, sotto i portici o in stazione, contro chi si siede in un giardino pubblico “assumendo comportamenti non consoni ai luoghi”. E ancora, niente più musica dopo mezzanotte e mezza e stop all’alcol nella zona di punta Pedale. È questo il contenuto dell’ordinanza congiunta emessa dai tre Comuni della Riviera ligure, con l’obiettivo forse di preservare la fama di meta turistica fra le più ambite della Penisola. Anche se a farne le spese potrebbe essere pure chi, nella calura estiva, cerca riparo in un parco o si toglie la maglietta per stare più fresco.

Per chi sgarra è prevista una multa da 100 a 300 euro e l’eventuale allontanamento dal luogo in cui è stata commessa la violazione. Ma c’è anche il rischio che la sanzione sia raddoppiata e che, in caso di “reiterazione dei comportamenti censurati”, le forze di polizia intervengano con un vero e proprio “daspo“. A firmare il provvedimento, sostanzialmente omogeneo fra i tre Comuni, sono stati i rispettivi sindaci di centrodestra Matteo Viacava (Portofino) , Paolo Donadoni (Santa Margherita Ligure) e Carlo Bagnasco (Rapallo).

“Con l’incremento delle presenze sul nostro territorio nel periodo estivo – spiegano i primi cittadini – è necessario garantire decoro e maggior sicurezza al territorio. Coordinandoci tra comuni abbiamo voluto dare una disciplina uniforme al Tigullio Occidentale che, nel rispetto per le persone, consenta di avere a disposizione uno strumento efficace per il controllo a beneficio di cittadini e ospiti”.

Nell’ordinanza – in vigore fino al 31 agosto 2018 – viene specificato poi che l’elemosina fatta “con modalità ostinate, reiterate, continuative e insistenti o minacciose” è vietata tout court. Ma anche chi mendica senza “molestare” i turisti e i residenti, d’ora in poi, non potrà più farlo nei mercati, vicino alla stazione o ai luoghi di culto, al porto, di fronte ai negozi, agli uffici pubblici, alle banche e in prossimità di scuole o sedi delle forze dell’ordine, delle fermate dei mezzi di trasporto, e poi nel centro storico cittadino, nella “passeggiata a mare da Piazza del Sole all’area di Punta pedale (solo per Santa margherita Ligure)”, nei parchi, nei parcheggi pubblici e all’interno degli stabilimenti balneari, sulle spiagge e persino “presso le intersezioni stradali”. Insomma, più o meno ovunque.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Bimbi vaccinati lontano dai migranti’, la proposta del sindaco di Domodossola è assurda

next
Articolo Successivo

Milano, per entrare in metro niente più biglietto: basta la carta di credito

next