Dopo la recente sconfitta del Partito democratico alle ultime amministrative che ha visto la perdita di tutte le roccaforti rosse passate al centrodestra, la puntata di Accordi&Disaccordi – in onda stasera in diretta su Nove alle 22.45 – si concentrerà sul quesito “Dov’è finita la sinistra?”. Ne discuteranno insieme ai conduttori Andrea Scanzi e Luca Sommi, l’editorialista del Fatto Quotidiano Antonio Padellaro, l’ex politico Antonio Di Pietro, il deputato Pd Emanuele Fiano e la sondaggista Alessandra Ghisleri.

“Accordi&Disaccordi” è una serie originale prodotta da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Confessione, Del Debbio: “Berlusconi nel ’93 mi ordinò di scrivere il programma di Forza Italia. Ero così sconvolto che mi persi in autostrada”

next
Articolo Successivo

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: dalle Olimpiadi (fattibili) a Torino al falso allarme su Di Matteo capo del Dap

next