Berlusconi? Ci siamo sentiti pochi giorni fa, al mio compleanno. Sta bene sia fisicamente, sia politicamente. Ma è molto preoccupato per quello che potrebbe accadere all’economia di questo Paese”. Sono le parole dell’ex direttore del Tg4, Emilio Fede, nel corso della trasmissione Ecg Regione (Radio Cusano Campus). Fede poi commenta l’amicizia tra la fidanzata di Silvio Berlusconi, Francesca Pascale, e l’ex compagna del cantante Albano, Loredana Lecciso. Quest’ultima, infatti, la scorsa settimana ha pubblicato sul suo profilo Instagram un selfie che la immortala in Sardegna con Pascale. La foto, accompagnata dalla didascalia “Amiche per sempre”, è diventata virale sui social ed è stata rilanciata dal settimanale Oggi. “Non ho visto quella foto” – afferma il giornalista – “Io non leggo fotoromanzi. Conosco molto bene Francesca Pascale, la Lecciso non me la ricordo neanche. Ma mi sembra strano che la Pascale possa andare d’accordo con la Lecciso, non mi sembra una compagnia che lei si possa scegliere. Sarà stato un caso. La Lecciso è antica, la Pascale non è antica. A me la Lecciso è totalmente indifferente, non me ne frega un cazzo di lei, è l’immagine di una rottura di coglioni. La Pascale, invece, è una ragazza molto intelligente, sono stato io a presentarla a Berlusconi”. E chiosa: “Se Francesca è diventata amica della Lecciso, vuol dire che si annoiava. La conosco benissimo, l’ho fatta conoscere a Berlusconi, faceva parte del club Forza Silvio. L’ex moglie di Albano è una antica, anagraficamente parlando. La Pascale è bella, giovane, attraente. Io con la Lecciso non uscirei nemmeno a prendere un caffè. Mi rompe le palle”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, D’Alema contro Salvini: “Meno di un milione di profughi in Europa. Riportiamo la questione alle sue dimensioni reali”

prev
Articolo Successivo

Mattarella: “L’Italia non sarebbe così grande senza la solidarietà. Non ci si può arrendere alla paura”

next