Doveva essere la risposta di Leo Messi allo show di Cristiano Ronaldo. L’Argentina che spegne sul nascere l’entusiasmo islandese e i sogni di un nuovo Geyser sound. E invece è arrivata la prima sorpresa del Mondiale di Russia 2018. L’ex regista di video pubblicitari e musicali Hannes Halldorsson ha parato un rigore al cinque volte vincitore del Pallone d’Oro, Alfred Finnbogason ha replicato al vantaggio di Sergio Agüero e di nuovo tutti a battere le mani sopra la testa: l’Islanda, al suo esordio nella Coppa del Mondo, ha fermato l’Albiceleste sull’1-1.

Messi è il simbolo della disfatta argentina. Per l’errore dal dischetto, alla fine decisivo, e perché tutti si aspettavano qualcosa da lui dopo che CR7 aveva trascinato il suo Portogallo al pareggio con la Spagna. Nella guerra di nervi però Ronaldo è superiore. Invece la maglia numero 10 della Nazionale trasforma Messi, lo inibisce e rattrappisce. Si ritrova comparsa di lusso in una squadra che comunque non ha mostrato una minima idea di gioco e rinuncia a schierare Dybala e Higuain per ostinarsi ad avere due ali, anche se una è Maximiliano Meza.

Di fronte al c.t. Sampaoli che ancora non ha trovato una soluzione per dare un’identità alla sua Argentina, c’è Hallgrimsson che invece schiera fiducioso un 4-5-1 di trincea. L’Islanda è quella dei quarti agli Europei 2016: corre, corre tanto, e sa sfruttare la sua fisicità per rendere la partita una battaglia. A differenza dei sudamericani, persi tra intese mancate e sostituzioni tardive, i giocatori della piccola isola del Nord Europa si conoscono e si trovano, rincorrono e si aiutano. Funziona, nonostante i limiti tecnici.

Il gol di Agüero al 19′ doveva essere l’inizio della goleada albiceleste. Invece quattro minuti dopo è arrivato il pareggio con la complicità di Caballero, riserva del Chelsea ma primo portiere nelle gerarchie di Sampaoli. Che rinuncia pure a Fazio in difesa, l’altro punto debole della sua Nazionale. Poi succede molto poco, a parte il rigore sbagliato da Messi. Il pareggio all’esordio pesa più di quanto si possa pensare, perché il girone D conta anche Croazia e Nigeria. Per l’Argentina quindi questa era la partita da vincere a tutti i costi: ora invece dovrà prendersi tre punti contro Perisic e Mandzukic per non rischiare l’eliminazione o un passaggio del turno come seconda che la condannerebbe a un ottavo di finale contro la Francia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia 2018, le palle di Putin / La sconfitta dell’Egitto è uno smacco per il dittatorello ceceno

next
Articolo Successivo

Mondiali Russia 2018 / Matrioska – Elogio di Giorgia Rossi, la risposta di Mediaset a Cristiano Ronaldo

next