Virginia Raggi non ha ricevuto in eredità una perla ma una fogna. Un circuito melmoso di interessi, un interscambio collusivo e puzzolente di favori dove una città sotterranea di malfattori, di ogni risma e livello economico, proliferava fino a impadronirsi del Campidoglio. Si sperava che i Cinquestelle almeno sapessero fare argine alla melma perché sul resto, cioè sulla capacità di amministrare Roma, la Capitale d’Italia, l’impreparazione, l’inadeguatezza, a volte l’ingenuità a volte l’incapacità, a volte la paura, hanno prodotto un immobilismo che ha assunto le forme dell’isterismo dove persino la manutenzione ordinaria (igiene urbana, trasporti, cura delle strade e dei parchi) è divenuta una vetta elevata da raggiungere.

Adesso gli arresti per il nuovo stadio documentano, al di là di ogni altra considerazione, l’immarcescibile dedizione all’inghippo, alla violazione delle norme. E Raggi, adesso, ha il problema di spiegare perché ha scelto Luca Lanzalone – raggiunto da un’ordinanza di custodia domiciliare – come suo plenipotenziario per lo stadio, stimandolo al punto da proporlo come presidente di Acea, la municipalizzata dell’energia.

E i suoi compagni cinquestelle, a iniziare da Di Maio, dovranno interrogarsi anche sui loro compagni di viaggio leghisti, alleati di governo. Luca Parnasi, il palazzinaro tradotto in carcere, tra il 2015 e il 2016 ha versato attraverso una sua società (Pentapigna srl) 250mila euro come contributo volontario all’Associazione Più Voci, la onlus che i commercialisti di Matteo Salvini hanno creato come nuova piccola cassaforte leghista dove far affluire i soldi dei suoi sostenitori. La erogazione liberale è un atto legittimo, quel che puzza e sa di fogna è l’interesse del costruttore romano per la Lega. Simpatia ricambiata e purtroppo sospetta.

Luigi Di Maio ha garantito sulle competenze e naturalmente l’onestà del tecnico Lanzalone, che ora è ai domiciliari. E ha garantito sull’affidabilità di Salvini che oggi ha Parnasi, suo sostenitore, in gattabuia.

E dunque?

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Aquarius, se sulla nave ci fossero i gattini – L’istantanea di Antonello Caporale

next