Aquarius? La mossa di Salvini non è affatto una strategia del ricatto, ma un delirio di impotenza nei confronti di una manifestazione di flussi migratori che durano da più di 20 anni, che non sono governati e che non sono effettivamente governabili”. Sono le parole dello scrittore Erri De Luca, ospite di Omnibus, su La7. “Quella di Salvini è una dichiarazione di impotenza” – spiega – “con una posizione intenibile, che è la chiusura dei porti. E’ semplicemente uno scatto di nervi e di presunzione, ma non c’è nessuna strategia. E’ una mossa che non è pericolosa, non ha nessuna possibilità di incidere e dovrà essere ritirata. L’idea che arrivi il deus ex machina a risolvere la questione non è sostenibile. Purtroppo la questione non è alla portata né dei governi precedenti, né di questo governo”. Erri De Luca minimizza il “fenomeno” Salvini: “In lui c’è un po’ di guapperia che danneggia naturalmente l’Italia e che ha intercettato un certo clima. Lui poi si permette di fare anche il ministro degli Esteri, polemizzando con altri Stati, come se stesse facendo tutto lui. E’ un disturbo di comportamento politico di questo governo. Che poi prenda qualche applauso e consenso provvisorio è relativo, perché durano poco. Non si fonda una politica sui consensi del giorno dopo”. E aggiunge: “La paura dello straniero in Italia? E’ una paura volontaria, contro ogni evidenza. Non è che l’italiano percepisce. L’italiano deliberatamente vuole fraintendere, deliberatamente si costruisce delle paure scadute. E’ un disturbo del comportamento civile e personale. E questo dipende soprattutto dal fatto che siamo un Paese di vecchi. Siamo il Paese più vecchio del mondo dopo il Giappone” – chiosa – “E’ un Paese di vecchi, un Paese tremebondo, un Paese che si spaventa pure della propria ombra. A Napoli si dice che Pulcinella si spaventa delle maruzze, cioè delle lumache, perché queste tirano fuori le corna all’improvviso. Noi siamo un Paese di Pulcinella che si spaventano delle lumache”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Saviano: “Il Mediterraneo è un cimitero, ma non tutti stanno partecipando allo scempio. C’è chi resiste”

prev
Articolo Successivo

Salvini, il suo ex insegnante: “Quando parlava di meridionali aveva la bava alla bocca. Per lui dovevamo andare tutti via”

next