Cartelli irriverenti, smorfie tra i banchi e facce stanche. Tra un intervento a favore e uno contrario al nuovo esecutivo, a Palazzo Madama i senatori trovano il tempo per alleggerire la lunga giornata che porterà al voto di fiducia del governo guidato da Giuseppe Conte. Il dem Davide Faraone espone dei fogli con scritte provocatorie: “Se parla del Sud Salvini gli mena” e “Non ha letto nemmeno il Def”. In attesa del voto, l’ex premier Matteo Renzi si produce in espressioni fantasiose dai banchi dell’opposizione. E la madrina della legge sulle unioni civili, la senatrice Pd Monica Cirinnà, indossa una t-shirt rosa con scritto ‘famiglie arcobaleno, associazione genitori omosessuali’. Una risposta alle dichiarazioni del neo ministro della Famiglia Lorenzo Fontana, che poi la Cirinnà va a salutare personalmente.