Cartelli irriverenti, smorfie tra i banchi e facce stanche. Tra un intervento a favore e uno contrario al nuovo esecutivo, a Palazzo Madama i senatori trovano il tempo per alleggerire la lunga giornata che porterà al voto di fiducia del governo guidato da Giuseppe Conte. Il dem Davide Faraone espone dei fogli con scritte provocatorie: “Se parla del Sud Salvini gli mena” e “Non ha letto nemmeno il Def”. In attesa del voto, l’ex premier Matteo Renzi si produce in espressioni fantasiose dai banchi dell’opposizione. E la madrina della legge sulle unioni civili, la senatrice Pd Monica Cirinnà, indossa una t-shirt rosa con scritto ‘famiglie arcobaleno, associazione genitori omosessuali’. Una risposta alle dichiarazioni del neo ministro della Famiglia Lorenzo Fontana, che poi la Cirinnà va a salutare personalmente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, il primo intervento in aula di Liliana Segre: “Aiutiamo gli italiani a essere vigili”. Acclamazione unanime

prev
Articolo Successivo

Governo, Renzi a Salvini: “Attento alle parole, ora è ministro”. Smorfie e complicità tra Di Maio e il leader della Lega

next