C’è chi scommette sulle cose più stravaganti (Michelle Hunziker), chi sui significati più reconditi dell’universo familiare (Massimo Recalcati), chi sulle trattorie da autostrada (Chef Rubio), chi sulle serie tv dal taglio internazionale (Niccolò Ammaniti), chi sull’agenda frastagliata della politica (Enrico Mentana) e chi sull’irresistibile siero delle vanità (Barbara D’Urso). Le nostre TelePagelle di Maggio!

Lessico Famigliare (RaiTre)

RM: Massimo Recalcati nel suo viaggio a cavallo di parole, immagini, ragionamenti. In primo piano la famiglia, nella sua accezione meno retorica – Voto 7
DV: All’inizio fu forte repulsione per questa tv fatta da tantissime parole, poi solo grande attrazione guardando ed ascoltando questo programma che ti lascia a bocca aperta – Voto 10 e lode

Vuoi scommettere? (Canale5)

RM: Le Hunzikers non mancano di simpatia ma il programma è roba trita e ritrita. Il tema è sempre lo stesso: il web; youtube etc è già stracolmo di scommesse spettacolari e stramberie varie. La tv deve puntare ad altro – Voto 5
DV: Era meglio l’originale, coniugato alla prima persona plurale e seguito da “che”. Ti ricordi chi lo ha condotto? Io sì – Voto s.v.

Camionisti in trattoria (DMax)

RM: Più che una trasmissione è una guida gastronomica per camionisti (che ringrazieranno). La parte della sfida è inesistente e scialba. Rubio è meno chef e più bisunto – Voto 5
DV: La teoria di partenza è vera: se ci sono i camion parcheggiati mangi bene. E Rubio è il migliore chef sulla piazza televisiva. Sarà anche bisunto, ma almeno non è solo chef! – Voto 6,5

Le TelePagelle di Maggio – Tra miracoli e scommesse anche la politica diventa soap

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Paterno, Al Pacino interpreta il leggendario allenatore americano. Il film in esclusiva su Sky

prev
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, il toto nomi per la nuova edizione è già cominciato (a Mediaset la stagione dei reality non finisce mai)

next