Nintendo ha annunciato Pokémon: Let’s Go, Pikachu! e Pokémon: Let’s Go, Eevee!, due nuovi titoli ambientati nella regione di Kanto che costituiscono il debutto su Nintendo Switch della classica modalità RPG/avventura, vista per la prima volta nel 1996 su Pokémon Rosso e Pokémon Blu, in arrivo il 16 Novembre.

Grazie alla maggior potenza dell’hardware della Switch rispetto a quello delle altre console portatili della casa nipponica, i nuovi titoli saranno dotati di grafica in alta definizione, così come saranno in alta definizione le animazioni delle tecniche utilizzate durante gli scontri. Tra le novità il cambiamento della cattura di nuovi Pokémon che vede un’interfaccia simile a quanto visto su smartphone con Pokémon GO, richiedendo però l’utilizzo di uno dei due JoyCon (i controller della console Nintendo) per mimare il lancio della sfera Poké invece dello swipe, e la modalità co-op, che permette di avventurarsi insieme ad un amico, collaborando sia nei combattimenti che nella cattura di nuovi “compagni”.

Insieme ai nuovi giochi arriverà anche la Poké Ball Plus, un controller a forma di sfera Poké che potrà essere utilizzato sia connesso alla Switch, sia come mini gioco in mobilità: sarà infatti possibile “trasferire” uno dei propri Pokémon dal gioco alla sfera e accudirlo mentre non si sta giocando con la console.

Per coloro che giocano sul proprio smartphone a Pokémon GO saranno disponibili varie interazioni con i nuovi titoli per console, tra cui la possibilità di trasferire i Pokémon dal telefono alla Switch per poterli mettere in mostra (ma non si sa ancora se sarà possibile utilizzarli nelle avventure).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nokia 8 Sirocco debutta sul mercato italiano

prev
Articolo Successivo

Dark souls, una fiamma che non si spegne: la prova della Remastered sette anni dopo il primo capitolo

next