Come sta, signora Regeni? Anzi no. Come fa, signora Regeni? Come fa a non urlare di rabbia, come fa a non avere paura quando uno Stato intero ingoia chi pronuncia il suo nome?

Lo stomaco cavo per lo sciopero della fame; nel cuore un chiodo che non trova parole. Le hanno rubato un figlio e peggio ancora il perché. Alle sue domande risposte illusorie, opprimenti, amputate. A chi l’aiuta sbarre e intimidazioni. Navi di legno per sfidare Cariddi.

Eppure lei, signora Paola, è un esempio. Lei brucia il male per farne falò di verità. Lei è la pila che il dolore non ossida mentre sola accende centinaia di torce testarde, indagatrici di un buio enorme. Per merito suo Giulio è un amico, per merito suo Giulio è il nome vivo di chi cerca giustizia. La sua fermezza ispira e asseta, non ci dà pace.

Se posso permettermi una speranza, io vorrei che sentisse almeno il conforto della sua Italia, Paese distratto ma sincero e che lei riempie d’orgoglio. Lei, Paola, è la prova di quanto può essere strenua una madre, di quanto sa essere caparbio un italiano.  A lei, suo marito Claudio, Alessandra Ballerini, Haitham Mohammedine, Ahmad Abdallah, Ibrahim Metwally, Mohamed Lotfy e a sua moglie Amal Fathy, tutta la vicinanza che mi è possibile.

Alla politica, ai volontari, a tutti noi, l’invito a non cedere un millimetro d’attenzione. La verità è per chi non arretra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nicaragua, la rivoluzione tradita da chi si definisce ‘sandinista’

next
Articolo Successivo

Cannabis, il Cile dice sì a quella casalinga. Si potrà coltivare con ricetta medica. Esultano le associazioni, critici gli esperti

next