Botta e risposta serrato a L’Aria che Tira (La7) tra la giornalista de Il Corriere della Sera, Maria Teresa Meli, e il senatore della Lega, Armando Siri, “ideologo” della flat tax. Il parlamentare assicura che l’aliquota unica al 15 per cento non ha subito modifiche nel contratto di governo col M5s e conferma le parole del leader pentastellato, Luigi Di Maio: “Restiamo due forze alternative, manteniamo la nostra coerenza in ciò che è stato promesso in campagna elettorale. E’ evidente che si è raggiunto un compromesso. Per noi era importante fare la flat tax, per il M5s il reddito di cittadinanza.”. Meli ribatte: “Voi avete portato la flat tax, anche se sulla carta, perché secondo me di questo programma condiviso non verrà fatto nulla. Ma avete ottenuto la tassa piatta in virtù della Costituzione. I grillini non hanno ottenuto il reddito di cittadinanza e infatti quello nel contratto non è il vero reddito di cittadinanza. E lei lo sa bene. In più, i 5 Stelle hanno avuto il limite di due anni prima che si possa applicare il provvedimento. Di Maio” – continua – ” col suo ultimo spottone elettorale propagandistico cosa ha ottenuto? Ha fatto una campagna elettorale sul reddito di cittadinanza e quello vero non c’è in quel contratto?”. Siri ribatte: “Noi della Lega abbiamo lavorato per essere coerente con il nostro programma di governo. Questa domanda la faccia al M5S. Non riesco a capire perché ha questo pessimismo sulle nostre intenzioni, dicendo che questo programma non si realizzerà mai. Il pensiero crea. Bisogna essere un po’ più ottimisti, perché in gioco c’è il bene del Paese. Noi cerchiamo davvero di fare qualcosa di utile e di cambiare anche lo stato d’animo dei cittadini, dopo 5 anni di rassegnazione, di prostrazione, di sofferenza”. “Nessuno dubita delle vostre intenzioni” – replica la giornalista – “anche perché la Lega fa un salto nel buio insieme ai grillini. Il problema è se ci sono i soldi per fare tutto quello che volete, perché io leggo sui giornali dei conti che fanno rabbrividire e che fanno pensare a una Italia in default se dovesse esserci la flat tax”. “Ieri uno studio dell’Oxford Economics ha detto che la flat tax fin dal primo anno potrebbe far aumentare il Pil al 3 %“, risponde Siri

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fusaro vs Caldarola: “Bisogna leggere Gramsci”. “Non hai letto un tubo. E lui non avrebbe mai parlato con Casapound”

next
Articolo Successivo

M5s-Lega, Ronzulli (Fi): “No a governo con Di Maio premier. Salvini? Non è più il leader del centrodestra ora”

next