“Per una persona di sinistra è meglio morire democristiani o grillo-leghisti? Sarebbe bello vivere e morire da persona di sinistra. Mi piacerebbe che tutti coloro che sono di sinistra morissero come Mario Monicelli, che negli ultimi giorni della sua vita, a 95 anni, era persino più arrabbiato di quanto non lo fosse a 20 anni”. Sono le parole del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, nel corso di Otto e mezzo, su La7. E aggiunge: “Il problema è che per morire di sinistra dev’esserci la sinistra, che in questo Paese è abbastanza latitante negli ultimi anni. Ho sempre trovato insopportabile la parabola di chi nasce incendiario e muore pompiere. E morire democristiano vuol dire morire pompiere, il che è doppiamente colpevole per gli intellettuali, i giornalisti, le persone che hanno magari un microfono e un megafono. Il grillo-leghismo? Lo stiamo scoprendo in questi giorni e non mi esalta”. Scanzi si sofferma poi sulla trasformazione del M5S negli ultimi anni: “C’entra pochissimo con la Democrazia Cristiana, se pensiamo al primo movimento, che era una forza di rottura e di lotta, sicuramente non governativa. Nell’ultimo M5S, Di Maio è sicuramente una figura intrisa di un approccio democristiano. Nel suo comportamento politico ci sono sintomi democristiani, che hanno portato bene il 4 marzo, ma non so se a medio e lungo termine quanto possano portare consenso a una forza politica che nasce come movimento di rottura”. Il giornalista, poi, analizza la crisi del Pd e del centrosinistra. E chiosa: “Se dovessi rispondere col cuore e con la pancia, direi che c’è un alto rischio di morire democristiani, anzitutto in Italia. Col rischio ulteriore che per essere democristiani serve il fisico e secondo me stiamo perdendo il talento che aveva la vera Democrazia Cristiana. Quindi, rischiamo di morire democristiani, ma senza il “talentaccio” che avevano i democristiani”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Feltri: “Di Maio è un personaggetto. M5s ha preso il 32%? Quasi tutti al Sud. Anche Hitler e Mussolini ebbero tanti voti”

next