È crollato un’ora prima dell’arrivo degli studenti il tetto di un’aula dell’Istituto tecnico industriale Montani di Fermo. L’incidente, in cui non ci sono stati feriti perché avvenuto alle 7.15 del mattino, è stato causato dal cedimento di una capriata. Inizialmente sembrava che le lezioni fossero iniziate comunque nelle aule adiacenti a quella danneggiata, ma poi i vigili del fuoco hanno fatto sapere che l’intero edificio è stato evacuato a scopo precauzionale. La dirigente dell’Istituto, Margherita Bonanni, ha dichiarato all’Ansa che l’intero tetto era stato consolidato dopo il terremoto del 2016.

L’ipotesi è che il crollo di una porzione del tetto (circa 30 metri quadri) sia stato causato da alcune infiltrazioni d’acqua. Nel mirino anche l’età dell’edificio: l’aula travolta dai detriti, infatti, è sede del triennio e si trova nella parte più antica della struttura. Le operazioni di messa in sicurezza stanno continuando in queste ore, ma i tecnici della provincia di Fermo devono procedere con cautela perché l’Istituto tecnico si trova a fianco delle puntellature della chiesa di Sant’Agostino, danneggiata dal terremoto del 2016. Quella porzione di tetto, inoltre, ha spiegato Bonanni, “è difficile da raggiungere, è difficile fare verifiche”.

Secondo la dirigente sono circa 100 gli studenti, “tre o quattro classi”, spostati nelle altre sedi della scuola. La classe su cui è caduto il tetto “era usata raramente“, mentre i ragazzi classi vicine sono attualmente impegnati con l’alternanza scuola-lavoro. Tutto il plesso del triennio, ha spiegato Bonanni, si trova nella sede dell’antico convento agostiniano, “risalente al quindicesimo-sedicesimo secolo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sorrento, turista inglese violentata. Drink con droga dello stupro e poi l’aggressione: cinque arresti

next
Articolo Successivo

Padova, sequestrate le Acciaierie Venete. Operai in sciopero dopo l’incidente nel quale 4 colleghi sono rimasti feriti

next