Vi svelo due contraddizioni oscene nei discorsi buonisti sull’immigrazione. Vi sono due fuorviamenti in cui il pensiero unico politicamente corretto (ed eticamente corrotto) continuamente incappa allorché tratta il tema dell’immigrazione. Due fuorviamenti che, se smascherati, possono rivelare la cattiva fede del pensiero unico e dei suoi pedagoghi cosmopoliti.

In primis, la narrativa egemonica tende a presentare la questione in termini che così potremmo sunteggiare. V’è un’Africa arretrata, rozza, povera e incolta che brama di avere accesso all’Occidente buono, superiore, colto e innalzato a popolo eletto. Orbene, siffatta narrazione è falsa e razzista. Falsa, giacché a muovere i processi migratori sono in realtà le oscene politiche imperialistiche occidentali, che colonizzavano in passato e oggi destabilizzano a suon di bombe, cagionando i fenomeni migratori (cfr. Libia, 2011). È altresì razzista e vilmente eurocentrica, perché stabilisce una sorta di insopportabile gerarchia: in forza della quale gli europei sono superiori, gli africani inferiori.

La seconda fallacia della retorica immigrazionista dei padroni del discorso al servizio dei signori del mondialismo è la seguente. Essi parlano dei migranti come “risorse”, giammai come “esseri umani”, come “volti” (Lévinas). L’essere umano è sacro e ha valore in sé: e tali sono ovviamente i migranti, esseri umani sofferenti e sottoposti a deportazioni di massa dal capitalismo globalizzato. La risorsa ha valore in riferimento ad altro e non in sé: ha valore in funzione del valore di scambio. Ha valore ed è “risorsa”, segnatamente, per i nuovi sfruttatori, che fanno traffici di vite umane e usano i migranti come risorse da sfruttare e con cui abbassare i costi del lavoro. Ergo, come risorse nella lotta di classe a beneficio del capitale e a detrimento del lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Indonesia, attentati kamikaze in tre chiese. “Dieci morti e più di quaranta feriti, usati anche bambini”. L’Isis rivendica

next
Articolo Successivo

Francia, pattuglie anti migranti al confine con l’Italia: la magistratura indaga sulle operazioni di Generazione identitaria

next