Sono bambini con una malattia alla pelle dal nome complicato (epidermolisi bollosa), ma che la rende fragile come una vita a Gaza. Sono come tutti i bambini, innocenti, senza colpe e la pelle devastata da troppa fragilità.

Gianna Pasini è un’infermiera che si trova a Gaza per un progetto di sostegno. Vede i miei disegni e mi scrive: “Se ne facessi uno per noi, i bambini ne sarebbero contentissimi”. Prometto, appena ho tempo, lo faccio. Ma non resisto e vado a vedere le foto. Imprigionati in una striscia di terra dove le falde acquifere sono contaminate al 96%, l’energia elettrica erogata due ore al giorno (dati Save the Children), circondata da un muro eretto dall’indifferenza internazionale e da Israele, osservo la pelle di questi bambini vittime di adulti e il gesto di affetto di tutte le Gianna del mondo che hanno più coraggio di me.

Intanto quelle bolle esplodono, come altre esplosioni ed è sempre la pelle che ci rimette.

Per saperne di più: Butterfly children Gaza e Pcrf-Italia/Soccorso medico per i bambini palestinesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jihad, cosa significa una parola che per noi è guerra

next
Articolo Successivo

Follia al safari: famiglia di turisti esce dall’auto e viene inseguita da un gruppo di ghepardi

next