Sono bambini con una malattia alla pelle dal nome complicato (epidermolisi bollosa), ma che la rende fragile come una vita a Gaza. Sono come tutti i bambini, innocenti, senza colpe e la pelle devastata da troppa fragilità.

Gianna Pasini è un’infermiera che si trova a Gaza per un progetto di sostegno. Vede i miei disegni e mi scrive: “Se ne facessi uno per noi, i bambini ne sarebbero contentissimi”. Prometto, appena ho tempo, lo faccio. Ma non resisto e vado a vedere le foto. Imprigionati in una striscia di terra dove le falde acquifere sono contaminate al 96%, l’energia elettrica erogata due ore al giorno (dati Save the Children), circondata da un muro eretto dall’indifferenza internazionale e da Israele, osservo la pelle di questi bambini vittime di adulti e il gesto di affetto di tutte le Gianna del mondo che hanno più coraggio di me.

Intanto quelle bolle esplodono, come altre esplosioni ed è sempre la pelle che ci rimette.

Per saperne di più: Butterfly children Gaza e Pcrf-Italia/Soccorso medico per i bambini palestinesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jihad, cosa significa una parola che per noi è guerra

prev
Articolo Successivo

Follia al safari: famiglia di turisti esce dall’auto e viene inseguita da un gruppo di ghepardi

next