Sono velocissime e forse arrivano da un’altra galassia, la Grande Nube di Magellano. Scoperte due stelle “intruse” della Via Lattea come indicano le analisi preliminari, riportate da Science sul suo sito, del catalogo di 1,3 miliardi di stelle compilato dal satellite Gaia, dell’Agenzia spaziale europea (Esa) e appena reso disponibile agli astronomi di tutto il mondo.

Il catalogo è una delle più grandi banche dati dell’astronomia: contiene informazioni su posizione, movimento, luminosità e colori raccolte dal satellite lanciato nel 2013. In pochi giorni dal rilascio dei dati, avvenuto il 25 aprile, c’è stato già un diluvio di scoperte, tutte pubblicate sul sito arXiv. Per esempio il gruppo guidato da Tommaso Marchetti all’università di Leida, nei Paesi Bassi, si è concentrato sulle stelle che si muovono velocemente, che sono molto affascinanti perché, ripercorrendo a ritroso la loro traiettoria, è possibile risalire al luogo da dove arrivano e agli eventi violenti che le hanno ‘accelerate’.

Grazie ai dati di Gaia, è stato confermato che anche un’altra stella velocissima, nota dal 2005 e chiamata HVS3, arriva dalla Grande Nube di Magellano, addirittura dal ‘cuore’ della galassia, come dimostra Denis Erkal, dell’università britannica del Surrey. Gli astronomi ipotizzano che tutte queste stelle potrebbero aver ricevuto un ‘calcio’ dalla forza di gravità di un grande buco nero presente nella Grande Nube di Magellano. Altri astronomi si sono concentrati sullo studio delle nane bianche, i resti di stelle simili al Sole: Ken Shen, dell’università della California a Berkeley, ne ha scoperte tre che sfrecciano velocissime, a circa 2.400 chilometri al secondo. Le tre stelle secondo gli astronomi, un tempo ruotavano in coppia con una stella dalla massa più grande, che quando è esplosa come supernova avrebbe scagliato la compagna nello spazio.

L’articolo su Science

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scopre di avere la leucemia e partorisce un bimbo sano grazie a una terapia innovativa senza chemio

next
Articolo Successivo

Protesi hi-tech, team italiano pronto a lanciare sul mercato la mano bionica (quasi) perfetta: arriverà nel 2019

next