Gianni Alemanno, segretario del Movimento Nazionale per la Sovranità, ha cantato e letto alcuni brani del cantautore Francesco Guccini durante un evento a lui dedicato, organizzato al ristorante Titta al 162 di via Emanuele Filiberto, il primo di una serie di appuntamento apericena letterari. L’ex sindaco di Roma si è cimentato con alcuni brani storici dl cantautore, simbolo della sinistra, da La Locomotiva, a Che Guevara, fino a L’avvelenata, Auschwitz ed Eskimo

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, dialogo con M5s? Scontro nel Pd. Franceschini: “Non si può dire solo no”. Marcucci: “Ok, ma pessimista”

next
Articolo Successivo

Alfie Evans, dopo la cittadinanza l’aereo per il trasporto in Italia: l’attivismo del governo piace al Vaticano e alla destra

next