Un negozio di marijuana legale aperto da J-Ax, il fratello Grido e il produttore Takagi. Il negozio di chiama MrNice: “Non lo faccio per il business, altrimenti aprivo una catena, volevo solo dare casa alla mia cannabis Maria Salvador”, ha spiegato il rapper a FQMagazine raccontando nel dettaglio il perché di questa scelta. Il Popolo della Famiglia però non ha gradito l’idea e Lorenzo Damiano, leader del PDF, non ha risparmiato il suo parere, riportato da Milano Today: “Vedere un ragazzo così che per business attira a sé i giovani proponendo loro la droga, lo trovo vergognoso. La nostra società, ormai, è totalmente senza radici, si offre ai ragazzi lo sballo invece di offrire loro una cultura di valori e di sacrificio”.

“La strategia dei potenti è quella che avevamo anticipato alle politiche: vogliono far approvare le loro leggi a tutti i costi. Unioni gay, gender, ora gli stupefacenti. È sotto gli occhi di tutti la direzione in cui sta andando questo mondo – si legge ancora sul giornale milanese – Con la scusa del principio attivo inferiore vogliono mettere in circolo la droga e renderla prodotto di consumo. Ma se io ne compro tanta anche di quella legale non assumo comunque la quantità dello stesso stupefacente considerato ora illegale e dannoso per la salute e l’incolumità dei ragazzi? Ai venditori l’ho chiesto e, seppure strappandolo dai loro denti, lo hanno confermato: gli effetti ci sono. Dalle pupille dilatate, allo stordimento, al ‘rilassamento’. Però, aggiungono, voi dovete portarla a casa chiusa e non consumarla. Capite il controsenso, capite che qualcosa non va? Dovrei comprare droga per tenerla come soprammobile? E perché se non è dannosa? È solo un cavallo di Troia, come la tecnica della finestra di Overton o se preferite come la mela di Biancaneve, che aprirà la strada, in futuro, alla droga legale”.

E Milano Today riposta anche le parole di Gloria Callarelli, altra candidata del PDF: “J-AX venga a Medjugorje e diventi vero testimonial dei giovani. Accetti la sfida e venga a conoscere Maria, la nostra mamma Celeste “.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fausto Brizzi, il regista indagato per violenza sessuale. Le accuse di tre donne

next
Articolo Successivo

Belen e Fabrizio Corona fotografati insieme

next