Decadenza culturale e dell’informazione nell’epoca del web. Ieri il Daily Mail ha diffuso la classifica delle Migliori spiagge del mondo 2018. Giudice valutatore: TripAdvisor. Giudizio 2.0 (inappellabile) dei turisti.

1. La migliore spiaggia europea (sesta più bella del mondo) risulta essere La Concha, vicina a San Sebastian, Paese Basco. Da quelle parti l’acqua atlantica è fredda da staccarti la pelle di dosso anche se indossi una muta subacquea da cinque millimetri e 200 giorni l’anno vento e burrasche invadono la baia di uno dei mari più incazzosi del mondoI palazzoni e l’affollamento di cemento intorno all’arco della spiaggia è tale che darei àncora lì solo se costretto. Finirebbe al duemillesimo posto in qualunque classifica stilata da una persona vagamente senziente.

3. La terza più bella in assoluto per altro – è risultata Varadero, che a me non dispiace ma che chiunque conosca Cuba e il mondo piazzerebbe assai in fondo all’elenco.

4. La piazza più sorprendente la occupa la quarta più bella spiaggia in Europa (14° nel mondo): Bournemouth Beach – nel Dorset, vicina all’Isola di Wight, sud ovest di Southampton, di fronte alla Normandia – dove alcuni (forse) si spingerebbero per curiosità passando nelle vicinanze, ma la maggior parte degli amanti del mare non porterebbe neppure il proprio labrador a farsi un bagno.

16. Non sono mai stato nella “16° più bella del mondo” e più bella di tutta l’Australia – Manly BeachSydney, che dalle foto però mi pare assai brutta – ma conosco bene l’ottava in classifica, Seven Mile Negril, in Jamaica: ottima per le appassionate di turismo sessuale, piuttosto infrequentabile al calar delle tenebre, carina per acqua e colori, dove naturalmente non tornerò mai.

17. La 17° più bella del mondo pare essere Santa Monica, in California, e ricordo che steso lì al sole pensai quanto è più bella perfino la nostra “semplice” Sabaudia (che noi metteremmo, per altro, al 600° posto). Ad Agonda Beach, a Goa in India, ricordo uno dei mari più torbidi e sporchi mai visti ed ebbi un terribile attacco di nostalgia per il Mediterraneo. Eppure è risultata la 18° più bella al mondo.

Mi fermo qui. Ma potrei continuare a lungo. Secondo alcuni ciò che la rete democraticamente decide è sacro in quanto libero e democratico. Io penso l’opposto.

Ad esprimere i “like” da cui la graduatoria scaturisce sono turisti che hanno viaggiato (in gran parte) per motivi legati alle offerte economiche. Chissà chi erano. Mi fido zero del loro giudizio e disprezzo il criterio della valutazione dei clienti. Di solito lo cerco per poi fare esattamente l’opposto. Però chi riprende in Italia la notizia del Daily Mail la promuove aggiungendo: “Vacanze al mare 2018” e sono certo che una marea di gente penserà: “Cavolo, e io chi sono, il più sfigato del mondo che non vado in questi posti? Ci vado questa estate, porcomondo!”, e resterà molto deluso.

Non è una questione di gusti, ma di fonti. E di categorie critiche quando si leggono le notizie. E di volersi far indirizzare o meno dall’industria turistica.

Per la cronaca: l’Isola dei Conigli a Lampedusa è 21°, prima delle italiane. Non registro traccia invece di Cala Zafferano, Kaladi, Cala del Porto, Planitis, Cala Rossa, Kalamos, Santa Maria, Aphales, Blue Lagoon, Armathia e delle migliaia di altre meraviglie che conosco nel Mediterraneo o in Africa (praticamente assente per TripAdvisor), o dovunque. Queste sì che sono le spiagge più belle del mondo.

Ad ogni modo, ognuno è libero di comunicare ciò che vuole. E credere (oppure no) a quello che legge. Se lo farete e questa estate vi troverete nel Dorset, sulla Manica, mandatemi un messaggio. Raccontatemi come state.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il mio inverno ad Aprica, perla della Valtellina tra natura, sport e tradizione gastronomica

next
Articolo Successivo

Reportage: Quito, tra dorati splendori coloniali, colorati “presepi” di Lego e festose kermesse popolari.

next