“Un rischio di nuova scissione dentro Forza Italia, dopo i malumori di Brunetta e Romani sulle presidenze e i “vaffa” di Palazzo Grazioli? No, i problemi sono fuori dal nostro partito”. Taglia corto e nega spaccature la neo capogruppo alla Camera Maria Stella Gelmini, appena eletta alla guida degli azzurri a Montecitorio, sostituendo quel Renato Brunetta che – così come il collega Paolo Romani al Senato – a più riprese era stato contestato nella passata legislatura dagli eletti forzisti. Sarà svolta “rosa” dentro Fi, dato che un’altra donna – Anna Maria Bernini – sostituirà pure Romani a Palazzo Madama. Ma cosa cambierà? “Una scelta di rinnovamento”, c’è chi spiega, come la calabrese Maria Tripodi, neo deputata. E il vecchio corso? “Ci siamo liberati di Brunetta? Questa è la sua lettura…”, taglia corto Stefania Prestigiacomo. Tutti provano a negare malumori: “Brunetta e Romani non andranno via”, rivendica pure Osvaldo Napoli, tornato in Parlamento, smentendo le voci di nuove fughe dal partito. Mentre Sandra Lonardo, moglie di Mastella, scherza sui retroscena dei “vaffa” contro Berlusconi a Grazioli dei due ex capigruppo: “Io non c’ero, non posso confermare”, spiega ridendo. E ancora: “Per Brunetta c’è in gioco l’esistenza stessa di Fi? C’è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi mezzo vuoto….”, taglia corto, con un’espressione a dir poco sorpresa. Al contrario, Giorgio Silli evoca pure la Pasqua imminente per sedare i malumori nel partito polveriera: “Le feste porteranno la pace…”. Alla fine, il più ironico resta Gianfranco Rotondi: “La svolta in rosa dentro Fi? La volevo fare con Rivoluzione cristiana, ma Berlusconi si dimostra sempre il più bravo in fatto di donne…”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Casini, eletto col Pd va al Gruppo ‘Autonomie’: “Per fare il vice al Senato? Ridicolo, non ho bisogno di seggiole”

prev
Articolo Successivo

M5s, ok degli eletti a nuovo statuto: apertura su ingresso di esterni nel gruppo e sanzioni per chi non segue le regole

next