Un centinaio di diplomatici russi espulsi da Usa, Europa e Canada. Ben due dall’Italia. Sono addirittura 14 gli Stati membri della Ue ad aver preso per adesso il provvedimento “come seguito” di quel che si è deciso al vertice Ue della settimana scorsa. Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha asserito che “altre espulsioni non sono da escludere nei prossimi giorni e settimane”. Che dire? Incommentabile, si sarebbe a tutta prima indotti a pensare.

La vergogna di questa situazione – tragica, ma non seria – sta tutta nel fatto che, more solito, la talassocrazia neoleviatanica del dollaro comanda e le sue servili colonie cadavericamente obbediscono. E la monarchia del dollaro, lo sappiamo, ha già da sempre deciso che la Russia di Vladimir Putin è un nemico: lo ha stabilito da ben prima della vicenda della spia. E ora, da anni, cerca il casus belli. Putin dittatore, la spia, i brogli elettorali, il mancato rispetto dei diritti umani, et similia. Mille invenzioni dell’Occidente a guida statunitense per attaccare, presto o tardi, la Russia di Putin. La cui colpa è da ravvisarsi nell’essere uno Stato sovrano e non disposto a piegare dinanzi al nuovo ordine mondiale del Washington consensus. Putin, a differenza dei suoi due ridicoli predecessori, ha detto no: e rinnova ogni giorno questo no agli Usa, che vorrebbero annientare la Russia, farne una colonia tra le tante, dissolvere lo spazio post-sovietico e rioccuparlo. Ci provano con rivoluzioni colorate e fenomeni da baraccone (Pussy Riots, Femen, ecc.), con colpi di Stato paranazisti (Ucraina, 2014) e con la peggior propaganda. Ma, per ora, la Russia eroicamente resiste. E speriamo vivamente che seguiti a farlo, di modo che sia garantito quel multipolarismo che già Immanuel Kant in “Per la pace perpetua” indicava come di gran lunga preferibile al dominio di un’unica “monarchia universale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parigi, reduce della Shoah uccisa in casa. La Procura: “Il movente è l’antisemitismo”. Due persone fermate

prev
Articolo Successivo

Ex spia russa avvelenata, oltre 100 diplomatici russi espulsi in Ue, Canada e Usa. Mosca: “Seguirà rappresaglia”

next