A gennaio il debito pubblico è aumentato di 23,8 miliardi rispetto a dicembre 2017, salendo a 2.279,9 miliardi. Lo ha comunicato Bankitalia, sottolineando che la crescita è dovuta all’incremento da 29,3 a 54,5 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro. Quelle che a dicembre il ministero dell’Economia aveva utilizzato in modo da far scendere il fabbisogno (e il debito) oltre le previsioni.

L’incremento della liquidità a gennaio è stato solo in parte compensato dall’avanzo di cassa delle amministrazioni pubbliche (1,2 miliardi) e dall’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del cambio dell’euro (0,2 miliardi). Il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 23,3 miliardi e quello delle amministrazioni locali di 0,5 miliardi, mentre il debito degli enti di previdenza è rimasto pressoché invariato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ue: “Rischi internazionali da alto debito e bassa produttività dell’Italia. Giustizia inefficiente ostacola lotta a corruzione”

prev
Articolo Successivo

Popolare Vicenza, chiesto rinvio a giudizio per ostacolo all’organo di vigilanza. Verso unificazione con procedimento su crac

next