Una scena di sesso violenta oltre il consenso della pornostar e scoppia il caso. L’attrice ipertatuata Leigh Raven ha dichiarato che durante una scena di “rough sex” (genere di sesso brutale ndr) che si è svolta il 6 marzo scorso, l’attore Rico Strong e il regista Just Dave sono andati oltre il suo consenso, al punto che la ragazza è successivamente corsa a denunciare l’accaduto alla polizia. La stessa cosa, con gli stessi protagonisti, sarebbe accaduta alla collega Riley Nixon nel gennaio scorso. In un video pubblicato su Youtube e girato da Nikkie Haerts, moglie e collega di set della Raven, la pornostar racconta di come ci sia stato un breve preavviso rispetto a due sequenze di fila riguardanti un “rough blowjob” e un “light racial play” tra ragazza e ragazzo (Strong è di origine afroamericana, la Raven caucasica ndr).

Scene che secondo la ragazza si sono rivelate più pesanti del previsto. “Mi sono fidata del regista, quando mi ha detto che se avesse visto qualsiasi mia indicazione di fastidio avrebbe chiamato lo “stop”. Io piangevo, spingevo via il compagno di set, facevo qualunque cosa che facesse capire che stavo lottando, ma lui non ha chiamato la fine della scena”. La Hearts nel ruolo dell’intervistatrice ha chiesto direttamente a sua moglie perché non ha mostrato esplicitamente il desiderio di fermarsi: “Non l’ho fatto per due motivi. A: pensavo lo facesse il regista vedendo quello che succedeva; B: c’erano quattro, cinque uomini su quel set. E come ho detto, erano stati lì tutto il giorno. Erano arrabbiati. Non volevano essere lì e avevo paura. Avevo paura”.

Finita la scena la Raven ha girato la classica intervista di assenso di ciò che è accaduto nelle riprese, protocollo standard in uso in molti filmati porno che lo usano sia ad inizio che a fine ripresa mostrandola nel video, poi arrivata a casa è “crollata” e si è messa “a piangere”. Il giorno successivo è così andata alla polizia che le ha consigliato una visita medica dove le sono stati riscontrati lividi sulla cervice e lacerazioni al perineo. Sempre nel video di Yuotube, negli ultimi minuti appare anche la collega Riley Nixon visibilmente in lacrime che racconta la stessa esperienza vissuta sullo stesso set due mesi prima, sostenendo di non aver chiamato lo stop durante le scene girate senza consenso “perché doveva pagare l’affitto”. Dal canto suo il veterano Rico Strong ha smentito ogni accusa: “Sono sorpreso. È stata una scena fantastica e la Raven se n’è andata dal set felice e contenta, tutta baci e abbracci. In secondo luogo non farei del male ad una donna spingendola oltre il suo consenso. Amo provare e far provare piacere non dolore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Storie digitali, dal 15 al 17 marzo a Milano incontri con Coez, Rancore e Salvatore Aranzulla

next
Articolo Successivo

L’ex ‘olgettina’ Barbara Guerra condannata per gli insulti a Barbara D’Urso

next