La protesta nazionale degli studenti contro le armi approda a Capital Hill a Washington. Il democratico socialista Bernie Sanders, già candidato alle primarie per la Casa Bianca, interviene al megafono. L’accoglienza è quella di una rock star. Dai “ti amo” ai più semplici “grazie, Bernie”, la folla si infiamma per le parole del senatore e gli studenti si sbracciano per potergli stringere la mano. Al netto di una battaglia che i giovani delle scuole americane sentono molto, l’incontro è di quelli che il politico non potrà dimenticare