La protesta nazionale degli studenti contro le armi approda a Capital Hill a Washington. Il democratico socialista Bernie Sanders, già candidato alle primarie per la Casa Bianca, interviene al megafono. L’accoglienza è quella di una rock star. Dai “ti amo” ai più semplici “grazie, Bernie”, la folla si infiamma per le parole del senatore e gli studenti si sbracciano per potergli stringere la mano. Al netto di una battaglia che i giovani delle scuole americane sentono molto, l’incontro è di quelli che il politico non potrà dimenticare

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

United Airlines, cane viene costretto a viaggiare chiuso nella cappelliera e muore

next
Articolo Successivo

Omicidio Jan Kuciak, il premier slovacco Robert Fico offre le dimissioni

next