In Italia si potranno finalmente sperimentare le tecnologie di guida autonoma, alla base della mobilità del futuro: il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, ha infatti firmato il decreto “Smart Road” che consente alle aziende di testare l’autopilota (messo a punto da costruttori, enti di ricerca o istituti universitari) anche sulle strade dello Stivale. Naturalmente senza compromettere la sicurezza degli altri automobilisti.

Ciò rientra in un più ampio piano di aggiornamento e implemento della rete viaria nazionale che mira a fluidificare il traffico – con sistemi in grado di canalizzarlo a seconda delle necessità – e aumentare la sicurezza per gli utenti da qui al 2025: fra gli obiettivi c’è quello di adeguare la rete ai sistemi di comunicazione V2X – un requisito cardine della guida autonoma – che faranno dialogare auto e infrastrutture, ridurranno gli incidenti stradali e gli ingorghi.

L’update coinvolgerà la Ten-T (Trans European Network – Transport) e la rete autostradale, in cui aumenteranno anche le aree di sosta e le colonnine di ricarica elettrica. Tecnicamente gli interventi riguarderanno la cablatura della rete viaria, l’introduzione di hot-spot wifi dislocati in tutte le aree di servizio e di parcheggio, nonché il debutto di un sistema capace di monitorare il traffico, smistarlo e fornire le previsioni meteo: info utili per calcolare gli itinerari di viaggio e minimizzare gli imprevisti. I costi degli interventi saranno a carico del concessionario o del gestore dell’infrastruttura.