In Italia si potranno finalmente sperimentare le tecnologie di guida autonoma, alla base della mobilità del futuro: il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, ha infatti firmato il decreto “Smart Road” che consente alle aziende di testare l’autopilota (messo a punto da costruttori, enti di ricerca o istituti universitari) anche sulle strade dello Stivale. Naturalmente senza compromettere la sicurezza degli altri automobilisti.

Ciò rientra in un più ampio piano di aggiornamento e implemento della rete viaria nazionale che mira a fluidificare il traffico – con sistemi in grado di canalizzarlo a seconda delle necessità – e aumentare la sicurezza per gli utenti da qui al 2025: fra gli obiettivi c’è quello di adeguare la rete ai sistemi di comunicazione V2X – un requisito cardine della guida autonoma – che faranno dialogare auto e infrastrutture, ridurranno gli incidenti stradali e gli ingorghi.

L’update coinvolgerà la Ten-T (Trans European Network – Transport) e la rete autostradale, in cui aumenteranno anche le aree di sosta e le colonnine di ricarica elettrica. Tecnicamente gli interventi riguarderanno la cablatura della rete viaria, l’introduzione di hot-spot wifi dislocati in tutte le aree di servizio e di parcheggio, nonché il debutto di un sistema capace di monitorare il traffico, smistarlo e fornire le previsioni meteo: info utili per calcolare gli itinerari di viaggio e minimizzare gli imprevisti. I costi degli interventi saranno a carico del concessionario o del gestore dell’infrastruttura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fca, Financial Times: “Stop ai motori diesel entro il 2022”

next
Articolo Successivo

Salone di Ginevra, non solo suv. Ecco i prototipi e le concept car che fanno tendenza – FOTO

next