Uno sguardo a chi se n’è andato (niente Tomas Milian e addio zio George Romero – ma che ci facevi su uno schermo di Hollywood?) e via con i premi cosiddetti minori. Lo dedica a Philip Seymour Hoffman l’Oscar come miglior attore non protagonista, il 49enne Sam Rockwell. L’avevamo un po’ perso per strada, ma il rozzo, crudele e redento sceriffo di Tre manifesti… interpretato da Rockwell ha convinto l’Academy come un fulmine a ciel sereno. Tra le attrici non protagoniste vince Allison Janney per I,Tonya, nei panni della terribile e rigidissima madre occhialuta della pattinatrice Tonya Harding.

L’attrice di West side story, Rita Moreno (86 anni), consegna invece l’Oscar al Miglior film straniero per Una donna fantastica. Il film cileno di Sebastian Lelio, come da previsione, e meritatamente, raccoglie il testimone da The salesman di Asghar Farhadi e porta sul palco il regista, il produttore Pablo Larrain, e gli interpreti Francisco Reyes e la bellissima trans Daniela Vega in elegantissimo lungo vestito rosa. Anche l’Oscar per il  cortometraggio animato per Dear Basketball, co-diretto dalla stella dei Los Angeles Lakers, Kobe Bryant (che giocava in casa), e che racconta la vita del giocatore da quando aveva sei anni, con musiche di John Williams e la co-regia di Glean Keane (factory Disney), non è una sorpresa. Come del resto risponde presente all’Oscar come miglior film d’animazione Coco di Lee Unkrich e Darla K. Anderson e per il miglior brano musicale, molto messicano, Remember me, scritto da Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez.

Infine due le battutine pesanti di Kimmel per ricordare che siamo nell’anno dello scandalo Weinstein. La prima è quando presenta la statua dell’Oscar e dice: “è l’uomo giusto per questo paese: tiene le mani al posto giusto e non ha neanche il pene”. Successivamente quando parla di Chiamami con il tuo nome sottolinea come la progettualità hollywoodiana non significhi solo alto budget: “questo film è stato fatto per sconvolgere il vicepresidente Mike Pence”.

INDIETRO

Oscar 2018, i vincitori: Guillermo Del Toro trionfa – Miglior regia e miglior film con La Forma dell’Acqua

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Oscar 2018, la guida alla serata: dove guardarla e le previsioni dei bookmakers

prev
Articolo Successivo

Oscar 2018, Hollywood sfida Trump e premia ancora il Messico e i latinos

next