“Meno migranti e più turisti”? Lo slogan è della candidata presidente della Regione Lazio Roberta Lombardi ma apparentemente non del Movimento Cinque Stelle. Anzi, Roberto Fico, intervenuto ad Agorà, su Rai3, lo dice chiaro: “Il volantino della Lombardi non lo condivido, perché secondo me è vero che deve esserci più turismo e più attività legate al turismo nei comuni stupendi che il Lazio ha, ma la situazione migranti non è assolutamente paragonabile o non si può mettere insieme al turismo”. Alessandro Di Battista era stato più diplomatico parlando a #Cartabianca, ma aveva preso lo stesso le distanze: “Sono solo slogan. Conoscendo Roberta credo che lei intendesse concentrarsi sul turismo e sulla migliore gestione dei flussi migratori. Ognuno ha il suo stile, io non avrei utilizzato queste parole”.

Nel cartello postato su facebook dalla Lombardi c’era scritto: “Quando penso alle province del Lazio e ai suoi borghi penso ad accogliere più turismo, che rilancia l’economia locale, e meno i migranti, che invece pesano sull’economia locale”. La stessa candidata era intervenuta dopo le polemiche: “E’ un concetto che avevo già ribadito e che è stato riproposto sui social. E leggo i soliti giornali del Pd parlare di ‘virata a destra‘. Ridicoli”. Per Lombardi sulle politiche immigratorie “serve un freno in questo momento, incluso un miglioramento delle strutture esistenti, e maggiore attenzione verso il rilancio del comparto turistico. Sono una persona concreta, se per qualcuno è un problema si può rifugiare negli slogan di D’Alema e Zingaretti che mentre parlavano di accoglienza si facevano finanziare le campagne elettorali del Pd da quelli che sostenevano che ‘i migranti rendono più della droga’”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni regionali, come si vota in Lombardia: il fac-simile della scheda elettorale

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2018: proviamo a usare testa, pancia e cuore. Anche solo per un giorno

next