Sono ovunque e spesso difficilissime da sradicare. Sfuggono alle smentite e si diffondono rapidamente. Già, proprio loro: le fake news. Ne sa qualcosa Beatrice Mautino, che dopo la laurea in Biotecnologie industriali e un passato di ricerca in Neuroscienze, ha deciso di dedicarsi alla divulgazione scientifica. E dopo anni di palestra e studi sull’alimentazione, ha focalizzato la sua attenzione su un argomento altrettanto chiacchierato: la cosmetica. Nasce così Il trucco c’è e si vede, libro edito da Chiarelettere, in cui l’autrice smonta uno a uno i numerosi falsi miti che girano intorno a creme, make-up e cellulite: “Mi sono resa conto che molte dinamiche presenti nel mondo del cibo si riproponevano anche in questo settore, ma con molta meno informazione critica a disposizione dei consumatori”, spiega.

E visto che non c’è homepage di Facebook che venga risparmiata da pubblicità di prodotti che promettono miracoli, era arrivato il momento di fare un po’ di chiarezza: “Pensiamo alle boccette su cui campeggia l’etichetta ‘nichel tested’ – sottolinea -, ecco, la sua presenza non garantisce una minore concentrazione del metallo e i produttori non si prendono la briga di sottolineare che escluderlo del tutto è impossibile, perché ovviamente andrebbe contro i loro interessi”.

Oggi, poi, dobbiamo fare i conti con la moda del ‘senza’: “In questi ultimi anni abbiamo assistito a una demonizzazione dei parabeni con conseguente proliferazione di prodotti che dicono di esserne privi – spiega -. Questo fenomeno si è affermato in seguito a uno studio del 2004 che li accusava di essere correlati allo sviluppo del tumore al seno, ipotesi che però non è mai stata verificata”. Ma quando l’allarme parte, è praticamente impossibile fermarlo: “Sul web si trova tutto e il contrario di tutto – ammette -, e purtroppo quello che manca è un’informazione critica”. Per fortuna, almeno nel mondo della cosmetica, gran parte delle leggende che circolano sono innocue: “Dallo shampoo che fa cadere i capelli al rasoio che rende i peli più spessi, tutti falsi miti che prima si diffondevano con il passaparola e oggi sono il pane quotidiano del web”, spiega. Queste storie, però, contribuiscono a indebolire le difese dei consumatori e garantiscono un lavoro più facile a chi si occupa del marketing e della pubblicità: “Dagli spot o dalle recensioni fatte sulle riviste si evince spesso che alcune condizioni possano guarire grazie a una crema, ma non è così”, ammette.

Per quanto invece riguarda la cellulite “le prime ricerche risalgono a più di cento anni fa e già quarant’anni fa è uscito un articolo scientifico che la definiva una ‘malattia inventata’, anche se sui media passa il messaggio opposto”, spiega. E no, quel nuovo ingrediente non cambierà le cose: “Gli studi che hanno messo a confronto vari trattamenti estetici per la riduzione degli inestetismi cutanei hanno dimostrato che i componenti delle creme contano ben poco e che l’unico miglioramento temporaneo deriva dal massaggio”, sottolinea. Eppure ogni nuova composizione viene spesso fatta pagare a peso d’oro, soprattutto dai marchi più conosciuti, come ben spiegato nel libro: “In realtà non c’è alcuna correlazione tra il prezzo di un cosmetico e la sua qualità – ammette -, non per forza una crema che costa ottanta euro vale più di una che ne costa cinque”.

Come districarsi allora in questa giungla di fake news e promesse mirabolanti? “Di fronte a ogni parola e a ogni frase che leggiamo o ascoltiamo dobbiamo chiederci ‘da chi viene? Ha un fondamento?’”, sottolinea. Oltre a un po’ di sano scetticismo, poi, ci si può tutelare così: “È importante sapere che su tutte le confezioni ci sono delle informazioni obbligatorie, come gli ingredienti, la data di scadenza e un riferimento chiaro e preciso a chi l’ha prodotto” spiega. E, come spiegato in maniera esaustiva nel libro, non bisogna lasciarsi influenzare dai luoghi comuni: “I consumatori devono sapere che tutti i cosmetici in vendita in Europa devono sottostare a determinate norme, quindi è importante superare l’assunto secondo cui quello che compriamo in farmacia è più sicuro rispetto a quello che si trova al discount”, sottolinea. In un mondo così nebuloso c’è però un prodotto che si salva e che non dovrebbe mai mancare nei nostri scaffali: “La crema solare – conclude -, non solo protegge la pelle dai danni raggi solari, ma previene anche le rughe”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isola dei Famosi, la lite tra Paola e Cecilia: “Ha detto che mi hanno messa qui solo per farmi sc…”

next
Articolo Successivo

San Valentino, l’amore è anche quello di un vedovo che piange: “Basta banalità, ecco cos’è davvero l’amore”

next